lunedì , 27 Maggio 2019
«E’ tutto fermo a quel giorno: il gatto Punto aspetta ancora il ritorno di Melissa»

«E’ tutto fermo a quel giorno: il gatto Punto aspetta ancora il ritorno di Melissa»

Condividi

(di Lucia Pezzuto da Il7 Magazine) Sette anni senza Melissa, sette anni da quel maledetto giorno in cui tutto si è fermato in casa di Rita e Massimo Bassi. Era il 19 maggio 2012, un ordigno artigianale esplode poco prima del suono della campanella davanti ai cancelli dell’Istituto superiore Morvillo Falcone di Brindisi. Due boati distinti squarciano le chiacchiere e le risate degli studenti pronti ad entrare in classe. In un istante la scuola, quel posto dove i ragazzi crescono e diventano grandi, si trasforma in un luogo di paura e morte. Melissa Bassi, 15 anni e mezzo, perde la vita durante una disperata corsa in ospedale, le sue compagne gravemente ferite si salvano ma porteranno per sempre sul corpo e nel cuore le cicatrici di quella tragedia.
“Io non ricordo nulla di quel giorno, è come se avessi un vuoto, un buco nero che avvolge la mente- racconta Rita, la mamma di Melissa, seduta sul divano di casa sua in quella via di Mesagne che ora porta il nome di sua figlia- io ricordo solo le parole di mio marito e poi niente più”. Rita è una donna minuta, dallo sguardo basso, ma dentro di sé nasconde una forza incredibile. Ogni giorno tra le mura di quella casa silenziosa per lei e suo marito è un dolore che si rinnova. Sulle pareti, sui mobili, ovunque ci sono foto di Melissa. Melissa che sorride, Melissa che fa il broncio, Melissa con le amiche, Melissa che si atteggia a fare l’adulta che purtroppo non sarà mai.
“Era lei che portava il sole in casa. Era sempre allegra, una chiacchierona- racconta Rita- ogni giorno quando tornava a casa e pranzavamo io e lei, perché il padre era a lavoro, lei non smetteva di parlare mi raccontava cosa faceva a scuola, i compiti, le interrogazioni, le amiche. Era molto diligente e le piaceva studiare. Non aveva ancora deciso cosa fare da grande ma adorava i bambini e la psicologia. Sicuramente avrebbe continuato, si sarebbe iscritta all’università. Per lei lo studio era importante”. Melissa trascorreva gran parte dei pomeriggi nella sua cameretta tra i libri, le telefonate con le amiche e le foto, tante foto quelle che lei stessa scattava perché per la fotografia aveva una vera e propria passione.

“Diceva sempre che per i suoi diciotto anni avrebbe voluto in regalo una macchina fotografica, una Reflex. Amava scattare le foto, le scattava con il cellulare e poi le trasferiva sul computer- dice Rita- dopo la sua morte ne abbiamo trovate tantissime. Io le ho fatte tutte sviluppare e ora le ho messe in questi album che guardo sempre”. Rita stringe quegli album a sé come se fossero una cosa preziosa ma non esita a mostrarli, a scorrere quelle pagine in cui è racchiusa la vita di sua figlia: le uscite con le amiche, l’ultima stagione al mare, le giornate a scuola e l’ultima torta di compleanno, quella che segna i quindici anni, quindici anni per sempre. Tra quegli scatti c’è anche il fidanzatino, quello di cui lei stessa aveva raccontato alla mamma. “Un giorno era seduta davanti al camino con il computer sulle gambe e mi disse: “mamma, guarda, ti piace questo ragazzo?”  Io dissi di si, che era un ragazzo carino. E lei disse: “ci stiamo fidanzando, voglio vivere questa esperienza”. Io sapevo che Mario era un bravo ragazzo, proprio come lei. Melissa è sempre stata una ragazza tranquilla, con la testa sulle spalle. Anzi, io mi rimprovero di essere stata troppo protettiva nei suoi confronti. Ero ossessionata dai pericoli, quando usciva con le amiche, solo il sabato e la domenica, o andava al mare, avevo sempre paura che potesse accaderle qualcosa. E forse questo era un presentimento”. Rita scuote la testa, è forse è vero nel suo cuore di mamma si dispiace di essere stata eccessivamente protettiva con la figlia, pensa forse di averla limitata e di averle tolto qualcosa. In realtà è stato il destino e la cattiveria umana ad aver tolto qualcosa. Melissa aveva quindici anni ed era felice. “Ci sono cose che non ti puoi spiegare e per le quali non c’è pace. Perdere una figlia, in quel modo poi, è una di queste -dice Rita con lo sguardo fisso in un punto indefinito- io ho mandato mia figlia a scuola e da scuola non è più tornata. Così tutto è finito. Oggi mi restano solo le foto, i ricordi e Punto”. Punto è il gatto di Melissa, un grosso gatto europeo che si muove per casa lentamente. Non ama gli estranei e trascorre il tempo accoccolato sul divano o sul letto di Melissa. Ma quando l’orario arriva si sposta sulle scale davanti alla porta d’ingresso e si siede.

“Aspetta, tutti i giorni aspetta che lei torni a casa. Sono trascorsi sette anni ma lui aspetta ancora Melissa- dice Rita- Punto lo abbiamo trovato sul motore della nostra auto, una Fiat Punto. E’ per quello che Melissa l’ha chiamato così. Lei amava gli animali. Ogni cucciolo che trovava per strada lo portava a casa, anche se era allergica sia ai cani che ai gatti. Oggi abbiamo ancora due gatti e un cane che lei ha voluto a casa. Punto fa il giro della camera e a volte mi apre i cassetti dell’armadio gettando per terra i vestiti di Melissa. Lui sente ancora il suo odore e aspetta che lei torni per giocare”. In quella camera dove Punto ancora si muove alla ricerca della sua padrona tutto è rimasto come quando c’era lei, Melissa. Nulla è stato toccato, è come se il tempo si fosse fermato a quel 19 maggio di sette anni fa. Sullo scaffale ci sono le sue cose, i suoi portagioie, i libri e i quaderni, una spazzola verde usata con i capelli incastrati nelle setole. E poi anche un brick di una bevanda al cioccolato con ancora la cannuccia dentro, la colazione che Melissa consumò prima di andare a scuola. Sul letto ci sono decine di pupazzi, quelli che la gente ha lasciato in ricordo di Melissa. “Ne abbiamo scatoli pieni di peluche, lettere, cartelloni targhe in memoria di mia figlia- dice Rita- in questi anni tante persone hanno voluto farci sentire la loro vicinanza. Ma andare avanti non è facile. So che anche nella sua scuola c’è un’aula dedicata a Melissa dove sono state raccolte tante testimonianze. Ma io in quella scuola non ci ho mai più messo piede e non riesco neppure a passarci davanti”.

In questi anni genitori di Melissa Bassi hanno partecipato ad ogni iniziativa che riguardasse la figlia, nonostante il dolore non si sono mai sottratti nella convinzione che ogni cosa potesse contribuire a mantenere vivo il ricordo di Melissa. Per Rita, tuttavia, la scuola resta per lei un muro insormontabile.


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi