domenica , 17 Novembre 2019

Assistenza domiciliare per persone non autosufficienti

Condividi

La democrazia è in crisi. Tutti sono d’accordo che In questi ultimi anni, purtroppo, sono andati scemando i suoi pilastri fondamentali politici e religiosi. La volontà popolare, però, chiede la sua rinascita attraverso un integralismo tra le istituzioni politiche, governo, sindacati, industriali e promotori finanziari. Il pathos, il logos e l’ethos delle forze politiche hanno ceduto il passo alla video politica della democrazia elettronica e carismatica dei leader e dei capi, pronti a determinare contenuti ed esiti, dando vita a oligarchie e ancor peggio a totalitarismi, tipici del novecento, ma lontani dalle ideologie di Pericle.Churchill consigliava di prendere “il meglio del peggio” per avviare una nuova rinascita democratica. Sono illusioni “cogliere il primato della superiorità dell’individuo sullo Stato e  avere il primato della legittimità (legge naturale) sulla legalità (legge scritta)?”. L’esigenza della democrazia è di allontanarsi dalle ostilità e dai muri che creano miopie, scelte, scissioni e rotture, dirompenti all’invito che impedisce il dialogo e garantisce la mediazione, la formazione e la costituzione di una difesa dei diritti dentro una cornice di doveri che non sono più discutibili. Non è fuorviante pensare alla crescita del Pil e alla ripresa delle dinamiche economiche e sociali del Paese se non si pongono correttivi all’inflazione “ferma” che è l’indice di espansione per eccellenza  e all’occupazione in calo, mentre la disoccupazione è salita, passando dallo 0,2% all’11,3%. Lasciamo parlare i giovani. Il loro futuro è dominato dalle paure, “offerta di Lavoro, reddito salariale e possibilità di formarsi una famiglia”, del nostro tempo.
assistenza_domiciliareAbbiamo una Repubblica fondata sul “lavoro che non c’è”.  Siamo tornati a essere un Paese di emigrazione, mentre accogliamo gli immigrati nel nostro territorio. Nel 2016 sono espatriati in 106 mila concittadini, quasi tutti giovani adulti. In maggioranza sono i nostri figli e nipoti tra i 18 e i 34 anni. Il suo inceppamento nella ricerca del lavoro chiede al governo, una Legge di Stabilità mirata verso un integralismo culturale di coinvolgimento e di promozione tra tutte le istituzioni della società nel ricostruire buoni contenitori per una democrazia ideale e solida, che crea lavoro, reddito salariale, previdenza e assistenza.
L’Italia, per la Uil pensionati di Brindisi, non può essere in previdenza la “maglia nera” dell’Europa per la pensione. Il requisito per l’accesso di reddito di pensione è di 66 anni e 7 mesi per tutti i lavoratori dipendenti, mentre in Svezia, invece, è prevista una finestra compresa tra i 61 e 65 anni di età entro la quale i lavoratori sono liberi di scegliere quando poter accedere al reddito di pensione. In sanità il governatore Emiliano parla di “rivoluzione della sanità pugliese”, di “soddisfazione” del doppio incarico e di “voglia di continuare” a gestire la sanità regionale.  Il suo commento riferisce che la soglia Adi (assistenza domiciliare integrata) è del 3%, sopra la media di 38 ore all’anno di assistenza in Puglia contro le 18 ore di media nazionale. Tuttavia gli obiettivi del Servizio Nazionale S.06 chiedevano, di già nel 2014, il 3,5%di presa in carico con Adi, senza dimenticare che l’assistenza domiciliare integrata fa parte indicativa dei 32 indicatori monitorati per i Lea (livelli essenziali di assistenza). Il termine “integrato” dà valore all’integrazione sanitaria e a quella socio-sanitaria, perché esalta il valore della dignità della persona fragile, anziana e non autosufficiente. Il suo percorso fa riferimento alla Costituzione art.32 che recita: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e dell’interesse  della collettività, e garantisce cura gratuita agli indigenti”. La linea guida, secondo la Uil pensionati territoriale, è nel potenziamento delle cure domiciliari integrate, che deve realizzarsi  non solo nella sua estensiva copertura della popolazione target, ma anche nell’ampliamento del PAI (piano assistenziale individuale) come capacità di percorso alternativo al ricovero in strutture residenziali socio-sanitario nel momento di necessità delle condizioni di ricovero. In questa sfida occorre realizzare una forte integrazione tra i soggetti istituzionali e non (le strutture delle Aziende sanitarie Locali, i Servizi Sociali dei Comuni, le famiglie e le Organizzazioni del Terzo settore), che esercitano un ruolo prioritario nelle erogazioni delle cure domiciliari.
In Puglia, secondo le fonti Istat del dicembre 2013, 30 mila persone anziane sono non autosufficienti e hanno bisogno dell’assistenza domiciliare, mentre a Brindisi, invece, su una popolazione over 65 anni di 83.379, la presa in carico Adi è migliore rispetto alle altre province pugliesi, ma deve garantire e riqualificare meglio una erogazione omogenea e di qualità delle cure domiciliari rispondenti ai profili di cura e alle tutele del paziente “fragile” e alla capacità di supportare la famiglia con interventi coordinati e razionalizzati.
Per la Uil pensionati di Brindisi la persona fragile ha bisogno di assistenza e deve essere tutelata secondo  il rispetto della dignità, equità e giustizia che sono le nostre vere ragioni nella richiesta di assistenza domiciliare protetta e assistenza residenziale ad alto livello di qualità.

 

 

 


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi