sabato , 15 Giugno 2019
Biblioteca comunale. Non c’é più niente da fare

Biblioteca comunale. Non c’é più niente da fare

Condividi

(di Domenico Urgesi*) Sulla Biblioteca di Mesagne, ormai si sono espressi tutti, i candidati Sindaci di Mesagne, con una sola voce; anche chi tace si è espresso, col suo silenzio. E allora? Basterebbe dire “non c’è più niente da fare” (ma spero di essere smentito).
No, non mi basta; perché sto cercando di capire che cosa sta succedendo a Mesagne (e dintorni). Bisogna capire, in una prospettiva storica (altro che tormentone!), quale idea di città si sta facendo strada, nella nostra mente, e in quella dei candidati Sindaci. Bisogna essere storici dell’urbanistica? Non c’è bisogno: basta anche rileggere Mannarino.
A mio parere, è in questa idea di città la fonte della mancanza di risposta ad una domanda abbastanza semplice, come questa: quale funzione deve avere la Biblioteca Comunale (ossia pubblica) di Mesagne? La sto ponendo da settembre, ma nessun governatore risponde.
Gli ho anche dato un aiuto per la risposta; gli ho fatto la storia dei 150 anni di questo Istituto; gli ho ricordato come ha interpretato la sua funzione nei 25 anni dal 1985 al 2010, in un periodo che ha visto la caduta del muro di Berlino, il crollo dell’Unione Sovietica, la fine della guerra fredda, lo scoppio di mani pulite e la fine della prima repubblica, il crollo dei partiti tradizionali, la lotta alla mafia e l’uccisione di Falcone e Borsellino (solo per fare due nomi), la sinistra al potere e l’inizio del suo deperimento, le torri gemelle, l’Afganistan, l’Iraq, ecc…
In quel periodo storico, la Biblioteca non si limitò ai normali servizi librari e informatici; (leggi: libri, riviste, enciclopedie cartacee ed elettroniche; catalogazione cartacea ed informatica, mediateca, ecc.).
La Biblioteca di Mesagne (attraverso amministrazioni di sinistra, centro, destra) diede il proprio contributo alla crescita civica e culturale, nonché alla comprensione di quel tempo, con una miriade di attività, fra cui: promozione del patrimonio cittadino e territoriale; leggi: divulgazione dei reperti archeologici, della storia messapica e romana, del barocco mesagnese, del castello, nuova musealizzazione, ecc.; raccordo tra una cultura puramente localistica e quella nazionale ed europea; leggi: Francesco Muscogiuri e i suoi rapporti con la letteratura nazionale, Epifanio Ferdinando e la medicina del suo tempo, la levatura internazionale di Giovanni Messe, l’antifascismo europeo di Eugenio Santacesaria, ecc.;  incontri e dibattiti sui temi della convivenza civile, della costituzione repubblicana, della pace e della guerra; leggi: 50° anniversario della Costituzione, i caduti della prima guerra mondiale, la persecuzione antifascista, la shoah, le foibe, ecc.; una rete di iniziative con le scuole, ecc.; una rete di partecipazione di singoli e associati, che hanno donato ai mesagnesi le loro cose più care; leggi: archivio Ciccio Bardicchia, fototeca Costantino Fantasia, Famiglia Enzo Zuffianò, don Francesco Campana, Antonio Scalera, Aquino Spagnuolo, Francesco Del Sordo, don Saverio Martucci, Enzo Poci, Antonio Pasimeni, famiglia Lelio Scoditti, Francesco Ragione (don Daniele Cavaliere), Società Operaia, documenti petrolchimico (Calvelli, Verze, Zofra, Castrignanò), e tanti altri donatori che non riesco a ricordare (me ne scuso); ma soprattutto le seimila lettere dell’ex Rettore Mario Marti.
Il nuovo progetto di biblioteca avrebbe dovuto avere tutto questo come cardine; invece è uno stravolgimento di tutto questo; non sarà più una biblioteca, sarà una specie di baraccone, una specie di centro sociale (senza offesa per i centri sociali).
Questo centro sociale, per la cui gestione non sarà necessaria alcuna speciale professionalità (checché ne dicano i candidati Sindaci), potrà valorizzare, promuovere, sviluppare il patrimonio della biblioteca?
E i futuri Sindaci, come pensano di far crescere la cultura civica dei concittadini, in questo decennio che sta sconvolgendo tutti i valori? Oppure non ci pensano affatto? Si rendono conto che stanno scomparendo i valori umani più elementari che danno senso alla convivenza civile? O non ci pensano affatto? Pensano di farsi aiutare anche dalla Biblioteca? In che modo, se questo progetto non ne fa parola? Anche se nessuno sa dire quali sono le linee-guida di questo progetto, né quale sarà l’esito, tutti danno rassicurazione di tranquillità.
Come se una nave in mezzo a un oceano tempestoso avesse perduto il motore e la bussola; e il comandante si affannasse a dire: tranquilli, arriverà una super-nave e ci porterà alla meta. Tranquilli: non c’è più niente da fare. [ma forse sono io che mi pongo domande insensate]

*ex direttore della biblioteca

 

PS:

150 anni fa, alla sua nascita, la Biblioteca Comunale serviva per educare i nuovi sudditi ad obbedire a Casa Savoia; 100 anni fa, fu usata dal fascismo per “Credere, obbedire, combattere”. Poi, durante il dominio democristiano, fu usata per contrastare l’analfabetismo, istruire e favorire la mobilità sociale; e fu un primo passo (molto incerto ed incostante) verso la modernità.
Negli anni della sinistra prese decisamente la strada della modernità; e nel suo crepuscolo (della sinistra) era già vittima, però, di un lento scivolamento nel vago. Oggi, nell’era dell’incertezza (né di destra né di sinistra), le stanno facendo prendere la strada dell’effimero, del gioco, del raccontar “storie”: del post-moderno senza il moderno.
La precedente Amministrazione Comunale si distinse per una concezione dissacratoria del moderno (prova tangibile ne sia la completa trasformazione del centro storico da luogo di alimento/cibo culturale a luogo di cibo e basta). Rimarrà nella storia anche per questo.
La prossima ha già segnato il proprio destino; prima ancora di nascere è già entrata nella storia.

Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/mesagnesera/


Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars

Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi