lunedì , 17 Giugno 2019
Diritto alla salute

Diritto alla salute

Condividi

La Uil pensionati di Brindisi ha fiducia in una politica socio-sanitaria d’eccellenza, equa ed efficiente per tutto il territorio Brindisino. La priorità è rispettare il Diritto alla Salute, dare servizi, curare le malattie e tutelare le persone in difficoltà, favorendo le politiche sociali e promozionali, che sono i veri pilastri da rispettare.

In un territorio piccolo come quello brindisino le Istituzioni possono dare risposte al potenziamento della rete dei servizi sociosanitari e della sanità territoriale, erogato dai Comuni e dai Distretti Sociosanitari. Le esigenze sono sia nelle cure sia nei servizi alla persona. In questi noi diamo fiducia e li consideriamo valori e in tal fine i servizi di assistenza e di cure sono garantiti e tutelati dalla Costituzione e anche dalla Carta dei diritti alla salute.

La Uil pensionati di Brindisi chiede impegno e responsabilità e invita le Istituzioni a raccoglierne le sfide del consolidamento e dello sviluppo. Sono sfide da rispettare e da condividere in tutti gli ambiti territoriali sociali. Lo suggerisce la legge regionale del 10 luglio 2006, n.19.

Essa pone al centro della programmazione il valore dell’integrazione tra le politiche sociali, sanitarie, abitative, educative e formative. La parola “chiave” è nell’“integrazione” delle politiche sociali, che fa riferimento non solo a quella sociosanitaria, ma anche a quella dei percorsi d’inclusione sociale, del contrasto alla povertà e del sostegno ai soggetti svantaggiati e marginati.

Per il sindacato le politiche sociali integrate dovrebbero essere orientate alla promozione e alla valorizzazione dell’individuo evitando cosi, il rischio della “trappola di povertà” e la perdita della dignità e dello stile e qualità di vita.

La fragilità del sistema di cure domiciliari a carattere socio-sanitario e l’assenza di una rete di supporto alle famiglie con prestazioni economiche, accrescono in modo insostenibile il carico di cure che gravano sulle famiglie, in particolare per gli ammalati terminali e per le persone anziane non autosufficienti. Tali criticità sono il risultato di politiche sanitarie, dovute alla debolezza dei distretti sociosanitari e della rete di cure primarie.

La Uil pensionati di Brindisi crede nelle “Buone” politiche. Servono però, soluzioni straordinarie che diano accesso e opportunità al “Diritto alla Salute”. In questi ultimi decenni si è passati purtroppo, dall’invadenza della politica al ripiano dei deficit sanitari. Il taglio delle risorse e il Piano di rientro sanitario hanno causato la povertà delle cure e la chiusura degli Ospedali territoriali negando, di fatto, non solo l’assistenza domiciliare integrata, ma anche il diritto di farsi curare. Il sindacato è per l’assistenza domiciliare per il malato, ma il sofferente necessita, a volte, anche di quella ospedaliera e di eccellenza.

Questo, purtroppo, oggi è un diritto negato, che impedisce all’ammalato grave di farsi curare negli ospedali del territorio, perché il governo taglia le risorse e gli ospedali non hanno personale medico e paramedico sufficientemente adeguato alle esigenze del bisogno di cure. Il diritto alla Salute è una spettanza negata, dovuta anche alla ricetta delle 3 T (tagli, ticket e tasse), la quale non permette ai pensionati, a rischio di povertà, il “potersi curare”.

Il presidente del Consiglio Renzi durante il recente question time alla Camera, ha parlato di un presunto aumento dei fondi per un bilancio fino a 111 miliardi di euro ma, a dir il vero, nella precedente Legge di Stabilità, il finanziamento previsto per il Fsn (Fondo strutturale nazionale) era di 115 miliardi. A tale taglio bisogna aggiungere un intervento di 2,3 miliardi, dovuto all’Intesa Stato-Regioni. Il taglio delle risorse va verso un risultato che è contro il diritto alla salute dei cittadini che hanno sempre meno servizi, mentre le lobby, come quella del farmaco, mantengono i loro privilegi. Sciogliere questo nodo è prioritario per il malato e l’anziano bisognoso di farmaci per la sua salute, ma i prezzi stanno lievitando con un’accelerazione senza precedenti e impediscono al malato povero di comprare le medicine e potersi curare. Il ministro Beatrice Lorenzin, nell’approssimarsi della nuova Legge di Stabilità, chiede di risparmiare sugli esami sanitari. La Uil pensionati di Brindisi si domanda com’è possibile chiedere al medico di famiglia negare un esame al proprio mutuato? Chi può giudicare se l’esame preventivo sia ritenuto inutile? Per il sindacato, oltre al paziente, solo il risultato dell’esame clinico può riconoscerlo.

Il risparmio non può essere orientato sul diritto alla Salute ma, come suggerisce il Politecnico di Milano, su altri modi; ad esempio: sui processi di digitalizzazione, sulle cartelle cliniche elettroniche, sulla dematerializzazione dei referti e sui fascicoli sanitari elettronici.

La sanità pugliese del presidente Michele Emiliano deve fare i conti con le misure contenute nel decreto Enti locali, approvate dal governo. Tali disposizioni inducono a razionalizzare le spese. Il termine è un significante che si orienta alla chiusura di 22 Ospedali, al “taglio di servizi” e alla riduzione di altri posti letto, ma vuole, non si sa come, costruire due nuovi Ospedali. Il sindacato si chiede. Perché tutto ciò? Perché chiudere 22 strutture e costruirne due nuove? Non si capisce il perché togliere 22 servizi al territorio per darne un indomani solo “UNO” a due ambiti locali.

Il cittadino e l’ammalato pugliese chiedono alle Istituzioni risorse finanziarie e personale per un’assistenza dignitosa e la Salvaguardia del diritto alla salute per chi soffre. Non si accettano più né lunghe liste d’attesa né viaggi della speranza. Questi gravano lo stato d’ansia del malato e della sua famiglia e spostano paradossalmente ingenti somme di denaro. La risultante è un impoverimento della sanità locale e un arricchimento della finanza sanitaria per le regioni del Nord, più ricche e con strutture ospedaliere eccellenti e d’avanguardia.

La Uil pensionati si chiede del perché a Brindisi non vi sono Ospedali con centri di ricerca di qualità e d’eccellenza? La provincia di Brindisi ha molte strutture ospedaliere. Ognuna di esse potrebbe essere sia per dimensione sia per posizione punto di riferimento significativo per le eccellenze sanitarie. Brindisi ha professori luminari che lavorano in altre regioni e in altri Stati europei. È sufficiente interfacciarsi con loro.

Occorre che la politica sia propositiva e faccia un passo avanti sul pianeta Salute per tutelare gli ammalati non solo del proprio territorio. Il sindacato si chiede del perché non si danno risorse e non s’investe sulla Buona Sanità del territorio? La cattiva sanità non sostiene gli Ospedali, ma riduce il personale. La caduta non è nella qualità delle prestazioni, ma nei ritardi all’esecuzione degli esami, delle visite al pronto soccorso e delle lunghe liste d’attesa. La colpa non può essere addossata ai medici, ma alla cattiva politica, in particolare nel Mezzogiorno.

Potrebbe essere un sostegno anche economico come avviene nelle città lombarde e piemontesi.

Per la Uil pensionati questo è un segno intangibile della responsabilità della politica, ma è anche un diritto e un dovere verso il malato grave brindisino, bisognoso di cure eccellenti avanzate. Brindisi ha molte strutture ospedaliere, perché non sono di eccellenza? Perché non sono “Veri Centri di ricerca e di cura” per il malato anche a carattere sperimentale? Nel XXI secolo gli obiettivi sono le cure e la ricerca e non avere “Ospedali giacenti” destinati al degrado. A che serve avere molte Ferrari lasciate in garage? Il rispetto del diritto all’assistenza e alle cure è garanzia e sicurezza e la politica deve dire la sua, evitando di favorire le cure in altri territori, a danno e a disagio di “Chi soffre”.

La Uil pensionati chiede ai sindaci di essere promotori verso chi ha bisogno di Assistenza Sanitaria e Sociale. Non è accettabile per il sindacato dei pensionati avere, come dice Don Milani, più assistenza negli ambiti del Nord e meno assistenza in quelli del nostro territorio. Il sindacato dei pensionati crede nella democrazia rispettosa del consenso, ma vuole una legge nazionale per le persone non autosufficienti, e chiede che il diritto alla Salute sia equo in tutto il territorio e con leggi nazionali paritarie, altrimenti i viaggi della Speranza non cesseranno a favore delle città e delle regioni più ricche e a scapito di quelle del Sud. Il diritto alla salute è di tutti e deve essere paritario ed equo su scala nazionale con finanziamenti e personale adeguato ai bisogni dei cittadini, ma non vorremmo che nell’intenzione del governo, vi sia il desiderio di passare il bisogno di Assistenza e il diritto alla Salute e l’Assistenza da pubblico a privato come sta accadendo, solo ultimamente in modo visibile nelle Poste e Telecomunicazioni.


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi