mercoledì , 18 luglio 2018
Giovanni Messe. Riprendiamo la discussione sull’ultimo Maresciallo d’Italia
General Giovanni Messe (gauche), commanding officerr of CSIR with General de Carolis, commanding officer of the "Torino" Cavalry Division. Messe succeeded Rommel in command of Pz.Armee "Afrika" (1943). He is the only non-German general to have commanded a major armored unit of the Wehrmacht... Awarded the Knight's Cross of Iron Cross with Oak Leaves. Became Field-marshal.

Giovanni Messe. Riprendiamo la discussione sull’ultimo Maresciallo d’Italia

Condividi

(di Enzo Poci, Società di Storia Patria per la Puglia) Come ho scritto in alcune altre occasioni, da molti anni continuo a ricevere richieste di chiarimenti, a voce o per via telematica, sul generale Giovanni Messe (1883-1968). Richieste di spiegazioni, appunto, ma anche notizie storiche, poiché le persone da cui esse provengono sono colte e bene informate, in alcuni casi specialisti della materia interessati alla figura del nostro concittadino, protagonista riconosciuto dei due conflitti mondiali, celebre sul piano internazionale e ben ricordato nelle pagine della storia contemporanea.
Messe e UtiliNato e vissuto a Mesagne fino all’età di diciotto anni, egli ritornava nella sua terra tutte le volte che gli era consentito dagli impegni militari, e più tardi da quelli politici. Tutti domandano come mai la sua città non ha inteso dedicare una piazza, una strada o una stele alla sua memoria. Quali crimini verso la sua nazione o verso l’umanità, quali infamie contro la storia e quali misfatti bellici sono contestati ad un soldato che ha obbedito con valore agli ordini ricevuti, quali oscure trame sovversive sono ascritte ad un ufficiale che – per quanto alla nostra conoscenza – mai ha impartito ordini contrari al diritto delle genti o al dettato dell’umana coscienza, mai si è lamentato, una baionetta levata in aria, che sui fronti italiani si ammazzasse troppo poco? Quale colpa condanna alla dannazione della memoria, e del silenzio amministrativo, un servitore del regio esercito che, in una guerra ordita da altre volontà, errata ed orrenda, è rimasto a lottare in testa ed al fianco dei suoi sottoposti – al contrario di un suo parigrado – per dividere le loro sofferenze ed il loro destino sacrificato, motivandoli e mantenendoli uniti, con una sola missione ferma nel cuore e nella mente: riportarli a casa vivi, nel maggiore numero, dal gelo e dal ghiaccio inesorabile dell’inverno russo, salvando il loro decoro di soldati e di uomini.

la mia armata i tunisiaUnisco questi brevi appunti, oramai datati, alle riflessioni contenute nella missiva, breve ma densa di afflato e di cultura, che ho ricevuto nello scorso mese di aprile dal dottore Giuseppe Vollono, Questore in riposo, da molti anni residente in Milano, una persona squisita, che le vicende fortunate della vita mi hanno permesso di conoscere durante le mie frequentazioni della Biblioteca Sormani della città meneghina. Ho scelto di ritardare la pubblicazione fino alla data odierna, e per questo mi scuso con il suo gentile autore.

Caro Enzo, nel corso dei miei studi sulla storia della seconda guerra mondiale, a te noti, mi sono imbattuto in alcune interessanti considerazioni sulla campagna di Russia, della storica Maria Teresa Giusti, riferite alla nobile figura del tuo illustre concittadino Giovanni Messe. Ho pensato di inviarti alcune pagine del libro in modo che tu possa rilevare “in originale” le considerazioni che la storica fa del personaggio. È interessante rilevare come, in un periodo di annullamento della personalità e di conformismo per essere in linea con quella che era considerata la “volontà suprema”, il generale Messe potesse assumere una posizione che rispondesse non ai dettami del regime ma alla sua coscienza non compromettendo, quindi, la sua forte personalità. Ho trovato molto interessanti le pagine perchè rilevano un Messe non propenso vero i Tedeschi in un’epoca di adeguamento conformistico agli indirizzi politici dell’epoca. Particolarmente significativo lo stralcio del Diario di Ciano riportato a proposito del cambio del comandante per l’ARM.I.R. Va considerato che il generale Messe, in quel contesto storico, rappresentò la “voce della coscienza” e se le sue relazioni – come credo – siano state lette da Mussolini, rappresentarono di certo una reprimenda a chi, dimentico dei valori della civiltà latina, aveva, con un’alleanza innaturale, prostituito il popolo italiano per portarlo verso la barbarie e l’oscurantismo. Il generale Messe, figlio della nobile terra di Puglia, superando gli schemi dettati dal tempo, espresse, con insolito coraggio, lo sdegno dei comportamenti dell’alleato non solo sul piano materiale ma finanche sul piano politico dimostrando una lungimiranza ed un’ampiezza di analisi che superava il suo compito strettamente militare. Non dimentichiamo che un suo pari grado, nei Balcani (non cito il nome per amor di Patria), inviava ai suoi soldati una circolare nella quale sosteneva che “si ammazza troppo poco”. Ecco perché, conoscendo il tuo meritorio impegno divulgativo sulla storia del territorio, ho pensato di inviarti in originale alcune pagine del libro perché ne possa rilevare, in un giudizio storico a distanza dagli avvenimenti, l’impostazione etica del generale Messe nel domenica del correierecontesto bellico. D’altronde sento il piacere di mantenere, in questa circostanza, un riferimento affettivo alla tua Terra per il periodo di vita professionale vissuta intensamente quando, fra il 1979 e il 1981, ho diretto la Polizia di Frontiera degli Scali marittimo e aereo di Brindisi e partecipai, con un gruppo di amici locali, a titolo personale sacrificando una settimana delle mie vacanze, ai soccorsi alle popolazioni colpite dal sisma, sistemando un campo a Muro Lucano coordinato dall’emittente televisiva locale “TRT” sita in via Belgio. Prima di concludere ti segnalo, sempre a completamento della personalità del Maresciallo Messe, un interessante libro scritto da un ex Ufficiale del Regio Esercito, Paolo Colacicchi, edito da Mursia nel 1977, (“L’ultimo fronte”) che ho letto anni fa. In esso emerge la statura morale e militare del Maresciallo Messe quando, con l’Esercito ormai sconfitto, fu costretto alla resa in Tunisia e incontrò il suo omologo britannico Montgomery. Ricordo che questi, fra le prime cose, gli chiese chiarimenti sulla prima battaglia del Mareth svoltasi in marzo, risoltasi non certo vittoriosamente per gli Inglesi per una mossa geniale di Messe che riuscì ad evitare la manovra a tenaglia di Montgomery. Carta topografica alla mano Messe spiegò, come un docente di tecnica militare, le manovre realizzate per sganciarsi combattendo. Certo è che Montgomery, borioso e spavaldo se non scostante nella prima fase, tanto da determinare l’allontanamento del generale neozelandese Freyberg presente alla scena, la sera, evidentemente ricredendosi e realizzando che aveva di fronte un personaggio di alto profilo, dignitoso ed austero anche nella sconfitta, lo invitò a cena conversando amabilmente con Lui. Concludo esprimendo a te ed alla Città il mio apprezzamento e la mia alta considerazione per annoverare, fra i cittadini del passato, un così eminente personaggio, pressoché ignorato nell’immediato dopoguerra, evidentemente perché era un personaggio “d’altri tempi” che emergeva, con la sua statura morale, nella mediocrità imperante. Certo è che personaggi di quella tempra e di quel livello morale vanno additati alle future generazioni perché rappresentino un punto di riferimento e di ammirazione e costituiscano le fondamenta etiche di un popolo. Un cordiale saluto e, a presto! Peppino Vollono

Per restare aggiornato seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina facebook, pubblicheremo al più presto tutti gli aggiornamenti in merito. Seguici su Facebook:  https://www.facebook.com/mesagnesera/


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi