domenica , 26 Gennaio 2020
Il contratto

Il contratto

Condividi

(di Carmelo Molfetta, nella foto) Il contratto ed il diritto di resistenza: due facce della stessa medaglia. Lo hanno chiamato ”contratto”! Ma cos’è questo “contratto” per il governo del cambiamento.Può un contratto stipulato tra privati cittadini impegnare le massime istituzioni rappresentative dello Stato italiano? I rappresentanti legali di due associazioni private, tali sono i partiti politici, stipulano un contratto innanzi ad un notaio il quale nulla altro può fare che autenticarne le firme di sottoscrizione. L’oggetto di questo contratto è costituito da un elenco di cose da fare che dovrebbe impegnare il Governo, i singoli parlamentari e nientemeno lo stesso Parlamento della Repubblica Italiana nella sua funzione massima dell’esercizio del potere legislativo. Non posso dire se tutto ciò costituisca la rappresentazione fumettistica del principio del “primato della politica”, ma posso sicuramente affermare che si tratta di una operazione di propaganda essendo molti gli elementi che tendono in tale direzione.

Il contratto così concepito dai firmatari, infatti:

  1. Esautora il Presidente del Consiglio dal potere di direzione politica. Egli non solo non ha partecipato allo studio, redazione e stesura del contratto, ma ne comprime, se non proprio ne annulla, il potere di indirizzo politico della attività dei ministri, poiché è tenuto ad eseguire i patti stipulati tra due privati cittadini;
  2. La stessa responsabilità politica collegiale dei Ministri nell’ambito della azione di promovimento della azione amministrativa dei rispettivi dicasteri, è ingabbiata nel contratto stipulato tra privati;
  3. La responsabilità collegiale degli atti del Consiglio dei Ministri risulta derivata da una iniziativa concepita al di fuori della competenza istituzionale propria del Governo.

Allo stato dunque il Governo ha due possibilità di scelta:

  • Ritiene il contratto stipulato tra due privati cittadini fonte legittima della propria azione politico-amministrativa, ed allora in questo caso viene esautorato dei poteri riconosciuti dalla Costituzione assurgendo al ruolo di mero esecutore.
  • In alternativa rivendica la propria legittima autonomia, rifiuta questa camicia di forza del contratto, provocando così un chiaro dissenso politico nei confronti dei sottoscrittori del contratto giallo – verde i quali, però, in modo previgente, si sono insediati come cerberi a guardia della Bastiglia finalmente conquistata.

In realtà il Governo è titolare di una piena libertà di manovra (92 e segg. Cost.) fondata sul rapporto di fiducia (con il) del Parlamento. Un contratto sottoscritto da soggetti terzi non può in alcun modo limitarne, o peggio annullarne la piena e autonoma azione politica. Il “contratto”, di chiara derivazione privatistica, costituito da clausole generiche quanto vaghe, (ancora oggi a manovra finanziaria approvata non si ha piena conoscenza dei contenuti), è stato formalmente “recepito” nel programma di governo e trasmigrato nel contenuto delle mozioni di fiducia presso entrambe le camere.
L’azione politica è chiara e palesemente scoperta: si è tentato in questo modo di attribuire valore pubblicistico ad una scrittura privata.
Ma proprio gli escamotage usati sono la controprova della volontà di tenere sotto tutela l’azione politica del Governo limitandone, se non proprio annullandone, la sua autonomia di iniziativa, quella dei singoli parlamentari (chi dissente viene espulso) e in ultima analisi del Parlamento.
Sarà compito delle opposizioni presenti in Parlamento, fatte salve le rispettive legittime posizioni sui singoli atti, smascherare tale operazione mistificatrice.
Intanto si prende atto che, pur in clima di anestetizzazione generale e galoppante che si vive in questo periodo, ancora esistono sussulti di vivace e sana disobbedienza civile.
L’azione di protesta di molti sindaci anche di importanti città e l’annunciato ricorso alla Consulta da parte del Presidente della Toscana Rossi, contro il “decreto sicurezza” ben possono essere inscritte nella migliore tradizione libertaria della politica italiana che fonda le sue radici sin dentro la Costituente.
Del “diritto di resistenza” nella Costituente ne parlarono tanti eminenti uomini politici di ogni parte. Durante la seduta pomeridiana del 4 dicembre 1947, l’Assemblea Costituente discuteva del secondo comma dell’art. 50 il cui testo espressamente recava : “Quando i poteri pubblici violino le libertà fondamentali ed i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all’oppressione è diritto e dovere dei cittadini”.
L’articolo così approvato in commissione non superò la prova del voto dell’Assemblea Generale e l’attuale art. 54, in cui si trasfuse il precedente art. 50, non ne porta più traccia. Il dibattito che seguì ne spiega le ragioni. Durante una delle sedute della commissione, il democristiano onorevole Caristia dichiarò: «Ogni democrazia che sorgerà, dopo un lungo servaggio, appagandosi solo del piacere di nascere, senza alcuna garanzia per difendersi contro le mene degli avversari, diverrà immancabilmente loro preda e ludibrio».
Oggi dopo un lungo periodo di torpore, qualcosa si muove: speriamo soltanto che non si risulti altra operazione di propaganda.

Per restare aggiornato seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina facebook, pubblicheremo al più presto tutti gli aggiornamenti in merito.

Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/mesagnesera/


Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars

 


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi