domenica , 16 Giugno 2019
Il prof. Argentieri non c’è più. Oggi i funerali

Il prof. Argentieri non c’è più. Oggi i funerali

Condividi

Ieri notte è scomparso il prof. Luigi Argentieri, docente in pensione. Gino lo abbiamo conosciuto molto da vicino nelle battaglie politiche e culturali che ha fatto negli ultimi 40 anni. Socialista tutto d’un pezzo, è stato più volte amministratore di questa città impegnandosi sempre per la comunità. Ultimamente si era avvicinato al Sel del quale era diventato dirigente. Per anni è stato punto di riferimento del liceo scientifico di Mesagne dove ha insegnato storia e filosofia. Profondo conoscitore della storia locale, aveva scritto per Burgo editore nel 1997, “Messe Soggetto di un’altra storia”. Ultimamente aveva presentato “MESSAPIA o della città ideale”.

Di seguito riportiamo un ricordo dell’assessore alla Cultura, Maria De Guido.

Al Professore Argentieri con profonda gratitudine. 

Spesso non sono le emozioni a caldo a ravvivare in modo attendibile i ricordi e tuttavia su alcune persone ne possediamo di talmente belli da non nutrire il timore di ricordarli male e inutilmente.

Luigi Argentieri, per tutti “Gino”, è stato docente di liceo per non so quanti anni, in molti lo ricordano come docente di letteratura italiana. A quelli che della mia generazione hanno frequentato il Liceo a Mesagne ha insegnato storia e filosofia; per dirla tutta, nel mio caso specifico ha insegnato più storia che filosofia. Troppo “astratta” la seconda, utile da adattare alla mia discreta brama di lettura della contemporaneità la prima. Avevo scoperto la scorciatoia di preparare le interrogazioni di filosofia, invece, direttamente dai suoi preziosi appunti e dalle sintesi del Moravia, testo allora in adozione al liceo quando ancora si chiamava “Francesco Muscogiuri” ed aveva sede nell’immobile molto carmelitano di qualche anno fa. Lo facevamo un po’ tutti, non senza lagnarci con orgoglio di quanto le sintesi fossero più complicate dei capitoli per esteso e non senza ribadire, con un pizzico di vanità, che si trattasse di un testo adottato nelle università. Impietose le interrogazioni, anche comodamente dal posto; la verità è che le domande raramente erano semplici e per chi sperava di spuntare la sufficienza semplicemente ripetendo le pagine da studiare per il giorno prima, diventava spesso impresa ardua finire l’interrogazione senza sfoggiare lunghi mutismi. “Pisani Pisani, i lunghi silenzi di Pisani” era facile sentirgli dire mentre abbozzava un lungo sorriso sospirato. Ecco perché le mie interrogazioni erano, come dire, “dinamiche”; la parte in cui dovevo azzardare di significato e rielaborazione era il mio forte. Poche notizie, ben incamerate, da elaborare con curata abilità di esposizione e condite da qualche pagina di critica, magari di qualche critico “insolito” che aveva scritto qualche rigo che in pochi avevano avuto la curiosità di leggere. A 16, forse 17 anni, ricordo il suo sguardo disperato e al contempo ironico quando alla domanda, ad una delle più studiose della classe, sul perché una fazione venisse indicata come “rossa” la risposta compita e saccente fu che era la parte che aveva riportato più ferite. Non avevo letto molto della questione ma intuivo per certo che le ragioni potevano essere solo di natura politica e glielo dissi, conquistando il suo sguardo compiaciuto. Per questo alle sue lezioni, alle sue interrogazioni, ci divertivamo entrambi. Lui sapeva che io non avevo studiato troppo e io era certa che non mi avrebbe fatto richieste banali, del tipo riportare per intero le lezioni ripetute con la stessa scansione che ne faceva il libro di testo. Mi divertiva sentirgli dire sorridendo: “Adesso interroghiamo Maria che qualcosa ce la dice sempre”. Fu il mio commissario agli esami di stato quando il componente di commissione cosiddetto “interno” era uno solo; passò agli annali dei ricordi della mia classe perché non condusse nessuna battaglia per far attribuire a nessuno di noi nemmeno un punto in più rispetto al voto meritato. Quell’anno ci fu addirittura un bocciato, pochi voti massimi e tanti risicati: qualcuno gli giurò odio e rabbia, i più non si sorpresero di tanto rigore. La verità è che non nutriva alcuna preferenza particolare che non fosse per il sapere intelligente e la freschezza della mente.

Ho avuto la fortuna di ritrovarlo dopo, io agli inizi di una sorta di percorso politico, lui socialista orgoglioso della sua storia ma anche del suo lavoro e delle sue ricerche infaticabili. “Perché stare su questa nave di matti mi piace da morire” mi aveva detto una volta riferito al mondo della scuola e dell’insegnamento. Era antifascista per formazione  e uomo libero per natura. “Guarda Marì che l’antifascismo in Italia non lo hanno fatto solo i comunisti, pensaci bene”, mi disse ridendo dopo aver appreso del mio tesseramento al Partito di Rifondazione Comunista. Uomo perbene, coerente e rispettoso quanto appassionato e convinto del suo argomentare.

 A lui il mio affettuoso saluto, per essere stato uomo di cultura e sensibile educatore, generoso esempio di amministratore e di dirigente politico, innamorato dei giovani, dei talenti e delle infinite potenzialità umane. Maria De Guido

 


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi