sabato , 25 Maggio 2019
Il reddito di cittadinanza: un ossimoro?

Il reddito di cittadinanza: un ossimoro?

Condividi

Carmelo-Molfetta-660x330(di Carmelo Molfetta, nella foto) Il 10 settembre 1946, riunita la 3° sottocommissione Costituente, il Presidente Ghidini, eletto nelle liste PSIUP, poneva in votazione la formula base di quello che sarà l’art. 4 della Costituzione:” Ogni cittadino ha il dovere ed il diritto di lavorare conformemente alle proprie possibilità e alla propria scelta.” Questa formulazione, pur avendo registrato posizioni divergenti, verrà approvata all’unanimità.
Fu il frutto di lunghe e dibattute discussioni cui parteciparono durante numerose sedute autorevoli rappresentanti. Il relatore Colitti, del Fronte dell’Uomo Qualunque, dopo aver rimarcato il valore economico del lavoro, affermò che esso “essendo un dovere sociale” “è un dovere dell’individuo verso la collettività”. (Seduta del 26/7/46 3° sott.) Il 9 settembre 46, sempre in 3° sott. Di Vittorio si sfilò dalla discussione sul “dovere del lavoro” dichiarando che “la Costituzione fallirebbe ad uno dei suoi compiti fondamentali se non affermasse con molta chiarezza il diritto al lavoro dei cittadini”. Sempre quel giorno, in 1° sott., sul punto, l’on.le Lombardi, veementemente dichiarò che “il dovere del lavoro deve essere affermato legalmente così come è affermato legalmente il diritto al lavoro” poiché “non vi può essere un uomo che possa vivere nell’ozio”.
Da allora sono mutate tutte le condizioni socioeconomiche e politiche mondiali e milioni di giovani, di donne, di disoccupati, hanno messo la classe politica di fronte alle sue responsabilità per dare una risposta a questa condizione disumana. Il palese stato di bisogno estremo provocato dall’assenza di lavoro e, quel che è peggio, dall’assenza di opportunità di lavoro, e sul punto tutti i soggetti politici e parti sociali dovrebbero porsi ben più di qualche domanda, ha annientato il principio di diritto secondo il quale “il lavoro costituisce una forma di manifestazione della personalità dell’uomo” il quale, dunque, non solo (soprav)vive nella indigenza economica, ma si trova addirittura deprivato anche del principale strumento per realizzare la propria personalità. Così si è verificato un particolare paradosso secondo il quale da una parte la Repubblica dovrebbe riconoscere a tutti il diritto al lavoro promuovendo le condizioni che rendano effettivo questo diritto, rendendosi sul punto, palesemente inadempiente; dall’altro impone a quello stesso cittadino un dovere verso la collettività di lavorare, che quel cittadino sarebbe ben contento di adempiere.
Ciò nondimeno il mondo va governato e gli studiosi moderni, sempre poco ascoltati dalla politica, si sono posti il problema se possa sostenersi esistere un “diritto al reddito” (fosse esso REI o RDC) che, in quanto mero strumento di natura assistenziale, sarebbe in palese contrasto con “il dovere del lavoro” (art. 4 2° com. Cost) e con lo spirito che animò i costituenti. Illuminante sul punto, la dichiarazione di Di Vittorio, sempre in sede costituente, allorquando affermò:” la Confederazione Generale del Lavoro non chiede allo Stato sussidi, ma chiede che si creino le condizioni tali da dar lavoro ai disoccupati”.
Può dirsi che il RdC (ma anche il ReI) sia la soluzione? Tra le parti politiche ci sono quelle che sostengono trattarsi “della nuova frontiera dello Stato sociale” ed altre che lo contestano: l’interesse elettorale, a seconda dei punti di vista, la fa da padrona.
In punto di diritto, invece, le cose sono abbastanza complesse. Ed il ricorso al Giudice delle leggi da parte di alcuni soggetti giuridici titolati, lo dimostra.
Nell’attesa si segnala la recente sentenza n. 18/2019 della Corte Costituzionale (Presidente Lattanzi; Relatore Carosi).
Su ricorso della Corte dei Conti Sezione Giurisdizionale della Campania, la Corte Costituzionale si è occupata della legittimità costituzionale di alcune norme di natura finanziaria in materia di predissesto degli enti locali. (Per gli interessati la sentenza è pubblicata)
Detta in termini semplici le norme censurate sono in contrasto con “gli art. 81 e 97 1° comma Cost….poiché consentono di destinare… alla spesa di parte corrente somme necessarie al rientro del disavanzo”.  Cioè fare debiti per sostenere la spesa corrente, non corrisponde propriamente ai principi costituzionali richiamati dalla Corte in quanto “non si assolverebbe il dovere di solidarietà nei confronti delle generazioni future ….<finendo per> confliggere anche con elementari principi di equità intergenerazionale”.
L’idea di rimediare alla insicurezza sociale riveniente dallo stato di disoccupazione o di precarietà attraverso un sussidio, non mi pare propriamente rispondente all’obiettivo di consentire la realizzazione della personalità dell’uomo. Se ed in quanto questo sussidio dovesse poi risultare anche spesa improduttiva ed occasione di ulteriore indebitamento anche il dovere di solidarietà nei confronti delle generazioni future sarebbe compromesso. Ma se così fosse la Corte Costituzionale si è già pronunciata.

Per restare aggiornato seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina facebook, pubblicheremo al più presto tutti gli aggiornamenti in merito.

Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/mesagnesera/


Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars

Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi