domenica , 18 Agosto 2019
L’acqua del Sindaco e la bici nel pozzo
Francesco Simone

L’acqua del Sindaco e la bici nel pozzo

Condividi

(di Francesco Simone*) E’ il 10 Giugno 1981. Io avevo 6 anni (anche meno, compiendo gli anni a fine luglio). Ero un bimbo esile e gracile di una città della campagna salentina, Mesagne.
Mesagne aveva il fascino e il marchio addosso delle città a vocazione agricola, era probabilmente in quegli anni molto più che adesso, la “città agricola” per eccellenza dell’area dell’alto Salento. Uliveti, vigneti, frutteti a perdita d’occhio. Strade assolate macerate da sole e solitudine a volte, volti desolati macerati da sole e solitudine il più delle volte. Una città inconsapevole e chiusa, probabilmente capace di confidarsi solo con quella campagna che era il suo vestito più bello, inconsapevole di poter sfoggiare anche un abito barocco che ancora in quegli anni era custodito negli armadi, chissà poi per quale motivo.
C’erano i pozzi, tanti pozzi. Mesagne era famosa per i pozzi, dotazione di ogni casa di campagna o appezzamento di terreno. Pozzi che ovviamente servivano per rifornirsi di acqua e che nel mio immaginario di bambino ingenuo e sognatore erano un intrigantissimo gioco. Condito da mistero e intrigo per il fatto di essere un qualcosa che finiva giù giù giù quasi al centro della terra come la mia fantasia di bambino poteva immaginare.
Quando cresci poi scopri che un pozzo é una metafora, l’intrigante gioco sta nel trovare in un pozzo tante verità che scopri nella vita.
Il lavoro di ricerca interiore somiglia in fonda alla perforazione di un pozzo: l’acqua è torbida all’inizio, ma dopo diventa chiara. E spesso quando tiri fuori la verità da un pozzo, non riesci a liberarti della sua catena.
Vermicino, un paese anonimo della campagna di Roma sud. Il 10 giugno 1981 un bambino, Alfredino Rampi, cade in un pozzo di una contrada a pochi metri dalla sua abitazione. Nessuno se ne accorge, Alfredino é scomparso, partono le ricerche, scatta l’allarme. Viene ritrovato vivo quasi per caso da un poliziotto, che sentendo le grida del bimbo capisce dell’incidente. Il bambino é vivo ma é a 36 metri. Una profondità infinita.
Da là partono i tentativi di soccorso. Speleologi, volontari agili ed esili. Persino una specie di contorsionista. Un tale Licheri, che ora ha 76 anni, arriva a pochi metri dal bambino, riesce persino a scambiare due parole.
Purtroppo tutta la mobilitazione diventata nazionale e massiva non porta a niente. Alfredino muore di fatto sotterrato e di stenti 3 giorni dopo. Licheri oggi vive nel rimorso di non essere riuscito a salvare il bimbo. Si avvicinò al bimbo in verticale e riuscì a sfiorare gli occhi del bimbo. Gli promise per consolarlo che una volta fuori da là…gli avrebbe regalato una bici. Quella bici non arriverà mai per Alfredino. Forse é ancora là, nel pozzo, forse in un mondo parallelo avrebbe condotto Alfredino fuori da quella gabbia.
L’incidente di Vermicino fu di fatto la prima puntata della “tv del dolore”. Fu sdoganato il teatrino della tragedia. La diretta Rai di quasi 20 ore é una circostanza che forse ha superato il dramma in sé per sé. Arrivò persino il Presidente Pertini e in quella circostanza nacque di fatto il voyeurismo mediatico che adesso é cosa comune su questi benedetti maledetti social.
A distanza di 38 anni ricordo ancora di quella diretta le grida flebili e disperate di Alfredino. Quel suo “Ma..mma…mi vieni a prendere?” riecheggia ancora nelle mie orecchie come un incubo. Abbracciai mia madre. Le dissi all’orecchio “Mamma se cado nel pozzo della zia mi vieni a prendere?”. Alfredino é un angelo cosparso di terra come purtroppo consumò i suoi ultimi attimi atroci. Quel maledetto pozzo non coperto da protezioni, quella maledetta acqua da pescare.
Quell’acqua che io veneravo perché mio padre mi diceva che “l’acqua più buona è l’acqua del Sindaco”. Quella delle fontanelle. Con la mia solita fervida fantasia chiedevo a mio padre se ogni volta che c’era un sindaco nuovo, cambiasse l’acqua. E lui sorridendo, diceva…”Si, lu sinducu nuevu nnuci la sua ” (Ogni sindaco nuovo porta la sua). E io un giorno, dopo l’elezione del sindaco Bardaro, corsi di nascosto verso la fontanella della villa a pochi metri da casa mia per assaggiarla e vedere davvero se fosse davvero…un’acqua nuova.
La mia città ha da ieri un nuovo Sindaco e io conservo ancora la certezza di bambino che “ogni Sindaco” porti la sua “acqua” nuova. L’acqua del Sindaco è sempre la più buona.
Buona fortuna al Sindaco della mia città, così lontana e così vicina. Che Mesagne sia da domani un pozzo di arte di cultura e di risorse. E se accusi un pozzo di essere troppo profondo, forse é la tua corda che é troppo corta.
Che il piccolo Alfredino possa riposare su in alto e magari scorazzare con la bici tra le nuvole. Dove bere solo acqua limpida.

* Francesco Simone, 44 anni, mesagnese, personal training trapiantato a Pisa dove laureato in Informazione scientifica sul farmaco dirige il Centro “In forma con le forme” occupandosi di benessere e salute.

Per restare aggiornato seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina facebook, pubblicheremo al più presto tutti gli aggiornamenti in merito.  Seguici su Facebook:  https://www.facebook.com/mesagnesera/


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi