mercoledì , 21 Agosto 2019
Le poesie scolastiche dagli anni ’50 ai ‘60: il riflesso di un paese in trasformazione

Le poesie scolastiche dagli anni ’50 ai ‘60: il riflesso di un paese in trasformazione

Condividi

(di Giovanni Galeone) Nelle poesie scolastiche dagli anni ’50 ai ‘60 il riflesso di un paese in trasformazione. Venerdì di versi alla Di Vittorio che dice la pioggerellina di marzo, che picchia argentina sui tegoli vecchi del tetto, sui bruscoli secchi…. versi forse rimasti nella memoria di chi negli anni ’50-60 frequentava la scuola italiana.
La filastrocca di Silvio Angiolo Novaro ha dato il titolo a una raccolta di liriche curata da Piero Manni dell’omonima casa editrice leccese sulle poesie riportate nelle antologie scolastiche degli anni ’50 che ha avuto un sorprendente successo di vendite. A questa raccolta del 2016 ha fatto seguito un anno dopo, il volume sulle poesie degli anni ’60 intitolato “Cloffete, cloppete, clocchete” dai versi della poesia “La fontana malata” di Aldo Palazzeschi.
Un’operazione di nostalgico amarcord? Forse, ma non solo, a ben vedere anche uno strumento di indagine storico-culturale su come sono state declinate agli alunni di allora le nozioni letterarie del tempo e quale è stata l’evoluzione stilistica e di contenuti che è seguita man mano che il paese si risollevava dando vita al suo boom economico.
Se ne parlerà venerdì 1 Marzo alle ore 18,00 presso la sede dell’associazione Di Vittorio di Mesagne, alla presenza del curatore, con la lettura di diverse poesie riportate nei 2 testi ad opera degli attori Giampiera Di Monte e con intervalli musicali del chitarrista Andrea Marzio.
Dal primo volume emerge come la letteratura destinata ai giovanissimi nel primo dopoguerra non era poi così diversa da quella impartita negli anni del fascismo, i valori che venivano esaltati erano quelli che avevano portato consenso nel ventennio: religione, patria, famiglia, natura, conformismo, nei fatti una retorica buonista delle piccole cose e della vita semplice in un Italia fortemente cattolica e timorata, ne
veniva fuori la descrizione di un’Italia dedita al sacrificio e al lavoro, chiusa negli affetti familiari e nell’esaltazione del passato. Ovviamente assenti in quei libri i poeti meridionali, rappresentanti di una parte d’Italia che non aveva voce in capitolo. La prefazione al volume del critico letterario Piero Dorfles attira l’attenzione sulla lingua aulica e artificiosa di quelle poesie che nessuno parlava più, versi però di indubbia musicalità e più facili da imparare a memoria, ne risultava per Dorfles “una fondamentale ginnastica intellettuale”. E via così alle liriche dei cosiddetti poeti dei banchi, Renzo Pezzani, Ada Negri, Zietta Liù, Lina Schwarz che scrivevano proprio per i libri di testo, assieme ai classici Pascoli, Carducci, Leopardi, ai patrioti Mercatini, Cavallotti etc.
E proprio sulla memorizzazione si è aperta una dialettica tra diverse visioni. Mandare a mente una poesia può essere faticoso e talora essere vissuto come una tortura, ma può anche essere gioco, emozioni a portata di memoria, bagaglio di conoscenze e di rievocazioni per la vita, una colonna sonora interiore piena di reminiscenze, immagini, accostamenti. Memorizzare i versi è un’operazione culturale che interiorizza le parole e il ritmo, ma favorisce anche una meditazione che può accompagnarci a lungo. Sapere a memoria delle poesie dice il poeta Fabio Pusterla è un tassello della bellezza che uno si porta appresso, nei ripostigli della mente talvolta riaffiorano in maniera
quasi involontaria.
Nel secondo volume si evidenziano invece significativi cambiamenti di stile e contenuto. Negli anni ’60 si evince che la letteratura apriva le sue porte alla modernità, un mondo andava scomparendo e un altro ne veniva avanti, dalle campagne si passava alle città, una parte del paese emigrava verso le fabbriche metalmeccaniche del nord e il confronto tra le due antologie riflette il diverso contesto dei rispettivi
decenni, dal dopoguerra alla ricostruzione, dal boom economico al Sessantotto.
Nella seconda antologia sorprende la presenza di autori stranieri (Lee Masters, Neruda, Brecht etc) che in pochi però ricordano, fa capolino la poesia dialettale (Di Giacomo), si affacciano i testi delle canzoni di musica leggera (Gaber, De Andrè), entrano repotentemente temi nuovi, la memoria della Resistenza (Calvino), le ingiustizie sociali (Pavese), l’impegno contro il razzismo e la guerra (Hughes e Lumumba), il male di vivere (Montale, Leopardi, Baudeleire e Rimbaud). Spuntano timidamente anche le voci del sud con i poeti Rocco Scotellaro, Alfonso Gatto, e il Nobel Salvatore Quasimodo. Spunta anche la voglia di sdrammatizzare e ironizzare su certo poetare retorico e di grondante compostezza: ridendo e scherzando le poesie di Gianni Rodari hanno restituito un senso critico e ironico di grande spessore, insegnando che la parola contiene un mistero da cercare.
In quegli anni si realizza anche la riforma della scuola media e si creano le basi del’68, nello squarcio che la realtà apre recando con sé la contemporaneità, penetra una poesia meno stereotipata e più problematica, che interpreta i dubbi e le contraddizioni della modernità. E nel singhiozzo dell’acqua che proviene dal cannello della fontana malata di Palazzeschi che “cloppeta e cloccheta” si rispecchia il travaglio dell’uomo contemporaneo. Nelle poesie di questa doppia raccolta c’è una storia che riguarda tutti noi.

Per restare aggiornato seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina facebook, pubblicheremo al più presto tutti gli aggiornamenti in merito. Seguici su Facebook

Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/mesagnesera/


Widget not in any sidebars

Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi