martedì , 18 Giugno 2019
L’educazione sessuale bisogna insegnarla nelle scuole

L’educazione sessuale bisogna insegnarla nelle scuole

Condividi

Educazione sessuale nelle scuole, il Forum Puglia: « I ragazzi hanno bisogno di scoprire il significato dell’amore e di essere accompagnati a conoscerne la bellezza».
«L’educazione sessuale nelle scuole bisogna insegnarla. Il sesso è un dono di Dio. Non è un mostro. È il dono di Dio per amare. Che alcuni lo usino per fare soldi o sfruttare gli altri è un altro problema. Però bisogna dare un’educazione sessuale oggettiva, come è. Senza colonizzazione ideologica. Con l’eduzione sessuale piena di colonizzazione ideologica si distrugge la persona. Però il sesso come dono di Dio deve essere educato, estrarre il meglio della persona e accompagnarla nel cammino. L’ideale è che si cominci in casa. Ma non sempre è possibile perché ci sono tante situazioni diverse nelle famiglie. Dunque la scuola supplisce, ma non succeda che il vuoto sia riempito con qualche ideologia». Lo ha detto recentemente papa Francesco.
Le parole del Santo Padre confermano innanzitutto il primato educativo dei genitori, sottolineando  l’importanza di un’alleanza educativa fra scuola e famiglia, resa ancor più urgente da una tendenza alla delega del compito educativo vissuta da parte dell’attuale generazione adulta. Al tempo stesso, indicano la centralità della prospettiva educativa. Subito, infatti, il Pontefice dichiara il significato della sessualità, la dimensione della persona umana forse più umiliata, più banalizzata , più ideologizzata nell’attuale contesto culturale; così facendo indica la prospettiva di lavoro quando si vuole accompagnare gli adolescenti alla scoperta dell’affettività e della sessualità: quella educativa.
Dice il Papa: «La sessualità è il dono di Dio per amare».Si può non essere d’accordo con questa affermazione, ma non sulla prospettiva educativa che essa propone,che dev’essere il cuore dell’azione di genitori e docenti. Tutto questo è lontanissimo dal più comune – e più semplice – informare i ragazzi su anatomia, fisiologia e contraccezione, contenuti con cui i più fanno coincidere l’educazione sessuale. In realtà, come il Pontefice indirettamente suggerisce, il ragazzo non è tanto interessato all’informazione sessuale, quanto all’essere educato all’incontro con la sessualità. La letteratura scientifica ha dimostrato che laddove prevalga tale modello informativo, paradossalmente sono più numerosi gravidanze e aborti volontari tra le minorenni e diffusione delle malattie a trasmissione sessuale. Ciò accade in Paesi quali il Regno Unito dove, malgrado i notevoli investimenti del Governo in programmi d’informazione sessuale fin dalla scuola primaria, si registra il tasso di gravidanze e aborti fra minorenni più alto d’Europa; così come in Svezia o in Francia. L’ Italia, invece, malgrado si  lamenti una relativamente scarsa numerosità delle proposte di educazione sessuale presenti nelle scuole, è la nazione europea in cui, dopo la Svizzera, si registrano meno aborti nelle adolescenti (fonte: Ministero della Salute). Sono dati che devono far riflettere e aiutarci a superare luoghi comuni tanto infondati quanto dannosi.
C’è bisogno di altro, di più. I ragazzi hanno bisogno di scoprire il significato di amore e sessualità per la loro vita, di essere accompagnati a conoscerne la bellezza e a crescere responsabilmente.
Ma è altrettanto necessario garantire, dice ancora il Pontefice, «un’educazione sessuale oggettiva, come è. Senza colonizzazione ideologica. Con l’eduzione sessuale piena di colonizzazione ideologica si distrugge la persona». Cosa intende papa Francesco per “colonizzazione ideologica”? Lo ha esplicitato più volte in alcuni suoi interventi, riferendosi alla cosiddetta ideologia del gender, di cui la maggior parte delle persone ignora o nega l’esistenza, ma i cui effetti sono già presenti e pervasivi anche in Italia. Secondo l’ideologia gender non esisterebbe una base biologica della differenza sessuale e l’identità di genere di un soggetto sarebbe il frutto di condizionamenti socio-culturali e del “sentire” proprio di ciascuno, peraltro suscettibile di variazioni nel tempo. È un pensiero rifiutato in modo deciso e pressoché unanime dalle scienze naturali, oltre che in netto contrasto con quanto vissuto a livello sensoriale dalla stragrande maggioranza dei cittadini comuni.
È opportuno ricordare che il Parlamento nazionale (a seguito della ratifica della Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta contro la violenza sulle donne e la violenza domestica, che nell’articolo 14 assegna alla scuola un ruolo fondamentale), approvando l’ultima Legge di riforma della Scuola (n.107/2015), ha inserito nel curricolo scolastico l’obiettivo formativo della “educazione alla parità tra i sessi” come prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni; e che le Linee Guida nazionali della legge 107,assunte dal Miur e intitolate “Educare al rispetto: per la parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le forme di discriminazione”,dichiarano esplicitamente che ogni riferimento all’ideologia gender deve essere escluso dalla scuola e dal suo lavoro educativo.
Un’indicazione chiarissima, contraddetta invece da alcune azioni della Regione Puglia e del Comune di Bari; la Regione, spingendo per l’approvazione definitiva del cosiddetto ddl antiomofobia, prevede infatti l’introduzione nelle scuole (articolo 3) di percorsi formativi destinati ad alunni, docenti e genitori in materia di contrasto agli stereotipi di genere e al bullismo omofobico, la cui regia è affidata (dall’articolo 7 dello stesso ddl) a un “Tavolo tecnico” composto in prevalenza da esponenti di associazioni Lgbt, senza prevedere la partecipazione di rappresentanti di associazioni di docenti o di genitori; anche questo è in netta contraddizione con il disposto dalla circolare del Miur del 20.11.2018 che auspica unapiù stretta, concreta e proficua alleanza educativa fra scuola e famiglia.
Un altro esempio viene invece dal Comune di Bari, che ha provveduto a stampare un opuscolo dal titolo “Che cos’è l’amor”, destinato ai ragazzi delle scuole cittadine. I testi dell’opuscolo, peraltro reperibili sul web, sono, a nostro avviso, assolutamente inadeguati alla funzione educativa che si vorrebbe avessero, proponendo informazioni, descrizioni e comportamenti  decisamente fuorvianti anche per ragazzi che manifestino orientamenti omosessuali e che avrebbero bisogno di ben altre forme di accoglienza, rispetto e accompagnamento. Occorre ben altro per educare i ragazzi su un tema così fondamentale. Occorre evitare qualsiasi forma di superficialità e di deriva ideologica.
Proprio su questo punta da sempre il Forum regionale delle Associazioni Familiari, che lavora per  raggiungere obiettivi concreti quali la valorizzazione del protagonismo educativo dei genitori, superando qualsiasi tendenza alla delega; la costruzione sul territorio di alleanze educative fra scuola e famiglia; la formazione permanente al compito educativo, guidata da chiari criteri scientifici e condivisa da famiglie e docenti nella prospettiva della care per la maturazione umana e professionale delle nuove generazioni.
Un’idea a cui la Regione Puglia ha dato credito, approvando e finanziando il progetto di sostegno alla genitorialità, in partenza a breve e della durata di 18 mesi, dal titolo “Generare figli, educare persone, costruire futuro”.

Per restare aggiornato seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina facebook, pubblicheremo al più presto tutti gli aggiornamenti in merito.

Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/mesagnesera/


Widget not in any sidebars

Widget not in any sidebars


Widget not in any sidebars

Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi