martedì , 19 marzo 2019
Mesagne terra di enfiteusi

Mesagne terra di enfiteusi

Condividi

(di Leo Netti – Piero Mitrugno – Walter Romano) L’enfiteusi è il diritto di godere del fondo altrui con l’obbligo di migliorarlo e di pagare un canone annuo in denaro o in prodotti naturali. Colui che concede tale diritto si dice concedente, mentre colui cui viene concesso si dice enfiteuta.
Negli ultimi anni, si è molto discusso di enfiteusi perché, dopo decenni, gli eredi di alcuni grandi proprietari terrieri hanno iniziato a vantare, nei confronti dei piccoli possidenti, diritti derivanti da contratti di enfiteusi o “livelli” che si ritenevano ormai estinti e che, invece, in molti casi sono stati trasferiti di atto in atto (compravendite, donazioni, successioni etc.) spesso senza alcuna consapevolezza da parte degli acquirenti.
Questo fenomeno, che ha interessato soprattutto la zona a nord del nostro territorio (San Vito dei Normanni, Ostuni, Ceglie Messapica etc.), sembrava riguardare il territorio di Mesagne in maniera soltanto marginale. Ed invece, a seguito di atti apparentemente scollegati dall’enfiteusi (come accatastamenti e compravendite), sta emergendo che il fenomeno riguarda gran parte del nostro territorio ed un gran numero di piccoli possidenti. Ed in effetti, molti cittadini che stanno effettuando variazioni catastali sui propri immobili (specialmente, nelle zone agricole), stanno ricevendo il diniego da parte dell’ufficio perché dalle visure storiche emerge la presenza di “concedenti” o “di livelli” non più riportati nelle visure attuali. Lo stesso problema si sta ponendo anche in occasione dei trasferimenti immobiliari perché, da verifiche storiche eseguite in sede di stipula, spesso sta emergendo la presenza sugli immobili di “diritti del concedente” o di “livelli” non ancora cancellati. Tale evenienza costituisce un grave problema perché gli interessati non possono procedere né all’accatastamento né al trasferimento dell’immobile, se non dopo aver estinto i suddetti diritti o recuperato la vecchia ditta catastale riportando i diritti del concedente.
Alla luce di tanto, è necessario prestare la massima attenzione all’atto del rogito notarile al fine di verificare che l’immobile non sia gravato da enfiteusi, livelli o altri diritti. E’ opportuno, altresì, verificare gli atti già rogati perché, in molti casi, con l’atto notarile (donazione, divisione, compravendita etc.) o con la dichiarazione di successione potrebbe essere stato acquistato non il diritto di proprietà dell’immobile ma, soltanto l’utile dominio ovvero il diritto di enfiteusi. Le suddette verifiche sono di estrema importanza perché, come detto, la presenza dell’enfiteusi potrebbe compromettere non solo il buon fine delle pratiche catastali e degli atti di trasferimento, ma anche l’erogazione dei mutui ipotecari da parte degli istituti di credito. Il problema non va sottovalutato perché molto spesso sui terreni enfiteutici sono state realizzate opere edilizie da parte degli attuali possidenti, per cui l’enfiteusi potrebbe estendersi anche ai fabbricati, con grave pregiudizio per gli interessati. Pertanto, qualora dalle verifiche svolte dovesse emergere che il bene è gravato da enfiteusi, la soluzione potrebbe essere o quella di intraprendere un giudizio di usucapione, ove ne ricorrano i presupposti, o quella di procedere all’affrancazione del fondo con le modalità previste dalla legge.
Il tema è diventato di grande interesse ed attualità anche perché, a seguito di talune pronunce della Corte Costituzionale e della Corte di Cassazione, si è posto il problema di individuare il metodo più corretto per quantificare i canoni enfiteutici, dato che i contratti in questione spesso risalgono agli inizi del ‘900 e prevedono canoni di enfiteusi oggi ritenuti irrisori. La questione è di notevole rilevanza anche ai fini della determinazione del prezzo di affrancazione che, infatti, secondo le norme del codice civile, è pari a 15 volte il canone enfiteutico.
Fa piacere rilevare che Mesagne si è molto impegnata sul tema, grazie all’impegno sia di professionisti che di associazioni di categoria che hanno organizzato incontri di studio e momenti di confronto con l’intervento anche di giudici e consulenti del Tribunale di Brindisi, iniziative che senz’altro hanno dato un importante contributo su una materia così complessa. Ben vengano, quindi, queste ed altre iniziative utili per dare ai cittadini le giuste informazioni e le soluzioni più opportune su un problema di grande impatto sociale ed economico.

Per restare aggiornato seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina facebook, pubblicheremo al più presto tutti gli aggiornamenti in merito.

Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/mesagnesera/


Widget not in any sidebars


Widget not in any sidebars

 

 

 


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi