venerdì , 14 dicembre 2018
On. Aresta. “Le nostre Forze, Armate di orgoglio e umanità”

On. Aresta. “Le nostre Forze, Armate di orgoglio e umanità”

Condividi

Riflessioni a margine della Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate in ricordo del Centenario della Prima Guerra Mondiale dell’on. Giovanni Luca Aresta, Vice capogruppo M5S Commissione Difesa – Camera dei Deputati.
La giornata di oggi, il 4 novembre, rappresenta il momento del ricordo dei caduti di tutte le guerre, del ringraziamento ai militari in servizio, in Italia e nelle missioni internazionali all’estero, di Festa per l’Unità Nazionale! È una giornata molto importante, ci troviamo a celebrare la nostra Patria in un’occasione particolare, a cent’anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale.
È prima di tutto la Festa delle nostre Forze Armate, depositarie dei valori della concordia e dell’unità italiana; nella nostra Repubblica esse sono votate alla sicurezza interna e alla ricerca della pace a livello internazionale. C’è una preziosa continuità nella vita delle Forze Armate, scuola di comprensione reciproca e di solidarietà per le giovani generazioni, che ne devono comprendere l’importanza e il valore politico e sociale. Esaltiamo dunque in questo giorno l’eccezionale valore delle Forze Armate; esaltiamo la loro capacità di rinnovarsi e d’immettere nuovi strumenti e norme nel solco della tradizione.
Lo slogan scelto quest’anno dal Ministro della Difesa Elisabetta Trenta è “LE NOSTRE FORZE, ARMATE DI ORGOGLIO E UMANITA’”. Le nostre Forze Armate oggi sono infatti al servizio della pace, in Italia e nel mondo. Il tema della pace e, di conseguenza, il rifiuto della guerra, è presente in maniera molto chiara nella nostra Costituzione, che nasce da un paese dilaniato dalla guerra civile. La pace è uno dei pilastri su cui si è voluta edificare la nostra Nazione.
Assieme alla pace, la memoria deve essere un altro aspetto fondamentale del nostro vivere comune. Prima di tutto, è bene ricordare che il prezzo pagato durante la Prima Guerra Mondiale fu altissimo: oltre 4 milioni di soldati mobilitati di cui 250.000 giovani appena diciottenni, 1.200.000 morti tra militari e civili e 500.000 civili che abbandonarono le proprie case sulla linea del fronte. Affinché questa data simbolo non rimanga una ricorrenza fine a sé stessa, è importante sottolineare oggi la valenza della memoria di un fatto storico, che ha contributo a concludere un sanguinoso conflitto, ma allo stesso a completare l’unità del nostro Paese.
Trento e Trieste dal 4 novembre 1918 si ricongiunsero all’Italia: Cesare Battisti, Fabio Filzi, Nazario Sauro vedevano compiuto il loro sogno. Trento e Trieste, Battisti, Filzi, Sauro, nomi di città e personaggi storici che troviamo ancora oggi nelle piazze e nelle vie di tutta Italia. Con il 4 novembre 1918 l’unificazione territoriale, politica e istituzionale dell’Italia fu interamente realizzata.
Simbolicamente, la Prima Guerra Mondiale rappresenta quindi un tassello dell’unità perché molti Italiani, anche da questi territori di Puglia, lasciarono i propri paesi e città per andare a combattere in territori lontani, probabilmente mai sentiti nominare, incontrando per la prima volta altri Italiani provenienti da regioni con dialetti, e a volte lingue, diversi. L’Italia in quel momento unì in un unico, ma plurale insieme siciliani e veneti, liguri e pugliesi, friulani e campani, lombardi e lucani.
Questa data non è dunque fondamentale solamente per questi anni (2015-2018), durante i quali abbiamo ricordato il centenario della Grande Guerra. Dovrebbe invece essere ogni anno un momento fondamentale della nostra Italia; da ricordare perché testimonia il fatto, per tutti gli Italiani, che facciamo parte di un’unica, grande, democratica e plurale comunità. In ogni scuola d’Italia è necessario che i nostri ragazzi siano a conoscenza di questi concetti perché saranno i cittadini italiani adulti fra venti, trent’anni.
Il contesto storico di oggi è ovviamente diverso, i nostri giovani non sono chiamati a combattere come si faceva nella prima parte del Novecento. Tuttavia, ognuno di noi, giovani e più anziani, è chiamato ad altri tipi di doveri verso il nostro Paese. Come cittadini dobbiamo sempre difendere l’ideale di far parte della comunità italiana, da rispettare attraverso il comportamento di ogni giorno.
La storia, cari studenti, non è solamente una materia noiosa che comporta il ricordare guerre, date e ricorrenze, ma un ausilio a comprendere i grandi processi in divenire nel corso del tempo, anche quelli attuali e più vicini ai nostri giorni. Non crediamo che la pace, quella sociale ad esempio, sia un pilastro irreversibile, va difesa. La pace deve nascere soprattutto dai nostri comportamenti quotidiani: noi tutti in prima persona possiamo e dobbiamo essere costruttori di pace, osservando l’esempio dei tanti giovani morti nella Grande Guerra! Oggi nel nostro Paese, ma non solo, si è radicata la convinzione per cui sono i più furbi ed egoisti da imitare, coloro che non stanno alle regole, che con il loro comportamento si sentono legittimati a fare qualunque cosa, impunemente, cioè senza conseguenze.
L’Italia e l’Europa sono cambiate rispetto a cento anni fa, questo è indubbio. Oggi è impensabile un conflitto armato con l’Austria, l’Ungheria, la Germania o la Slovenia. Sono nostri amici, parte di un’altra grande comunità, quella europea, caratterizzata, ormai da decenni, da comuni ideali e aspirazioni. Quello che è stato costruito in questi decenni, grazie al ricordo, alla memoria storica di due conflitti mondiali, ha reso impensabile il fatto di una nuova guerra civile europea.
Ovviamente l’Europa di oggi ha diverse problematiche, dovute ai tempi che stiamo vivendo ora; spesso c’è scarsa comprensione tra i suoi membri e le istituzioni hanno dimostrato un insufficiente interesse verso le istanze dei cittadini. Tuttavia, come testimoniano i lavori della Commissione Difesa di cui faccio parte, una difesa comune europea è un tassello imprescindibile per il futuro di questo continente, caratterizzato da nuove minacce.
Il 1918 avviò una stagione di pace, che, come purtroppo sappiamo, fu troppo breve. Pochi anni dopo ci fu un altro dramma, ben più grave, quello della Seconda Guerra Mondiale. La memoria pubblica del 4 novembre 1918 deve continuamente farci tenere presente che a livello europeo non devono mai più verificarsi tragedie di questo tipo!
Dobbiamo dunque ricordare questa data perché ha permesso la fine di un conflitto mondiale e il completamento dell’unità italiana. Il sacrificio compiuto deve essere un continuo monito a livello italiano e europeo della necessità di guardare all’interesse generale per evitare che troppi egoismi possano compromettere il futuro di tutti. I processi storici ci insegnano a capire i problemi della contemporaneità, che possono essere risolti con la cooperazione, non mediante un interesse egoistico basato su una visione limitata e del breve periodo. Certamente non è facile, ma la memoria può aiutarci.
In conclusione, durante questa giornata è doveroso ricordare il sacrificio dei tanti Italiani, moltissimi tra di loro giovani o giovanissimi, che contribuirono con i loro sforzi a compiere il dovere a cui erano stati chiamati. Certamente come dicevo, oggi viviamo in un altro contesto storico molto diverso. Ciò non toglie che i ragazzi di allora e le loro famiglie che li aspettavano debbano essere dimenticati. Il loro sacrificio va rievocato, oggi che celebriamo i cento anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale anche per ricordarci com’erano il nostro paese e il nostro continente solamente cento anno fa. Si dice spesso che chi non ha memoria o radici non ha futuro. Se oggi l’Italia e l’Europa sono attraversate da una profonda crisi d’identità, la loro rinascita non può che passare dalla memoria, dalla conoscenza e dalla tutela del passato. Facciamo in modo che queste ricorrenze non rimangano fini a sé stesse, ma siano un tassello fondamentale del nostro essere Italiani, nel rispetto dei diritti e dei doveri!

Viva le Forze Armate, Viva la Repubblica, Viva l’Italia!

Per restare aggiornato seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina facebook, pubblicheremo al più presto tutti gli aggiornamenti in merito.

Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/mesagnesera/

 

 


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi