martedì , 12 Novembre 2019

Service Tax: imposta onerosa

Condividi

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge n.102/2013 recante “disposizioni urgenti in materia di IMU, di altra fiscalità immobiliare, di sostegno alle politiche abitative e di finanza locale, nonché di cassa integrazione guadagni e di trattamenti pensionistici”. Il decreto affronta il tema dell’abolizione della prima rata IMU 2013, riduce l’aliquota della cedolare secca (dal 19% al 15%) per i contratti di locazione abitativa a canone concordati (art. 3 del d.lgs. n. 23/2011) e vara misure di sostegno per l’abitazione e per il settore immobiliare anche con l’intervento della Cassa Depositi e Prestiti e con l’aumento delle risorse destinate al Fondo di Solidarietà per i mutui per l’acquisto della prima casa.

A copertura dell’abolizione dell’IMU, dal 2014 entrerà in vigore la cosiddetta “Service Tax”. Un’altra voce, ma sempre imposta onerosa, che i pensionati, le persone non autosufficienti e i cittadini tutti devono pagare con rigore, (per loro non importa la motivazione per esempio malattie gravi o morti in famiglia), e massimo rispetto dei tempi, altrimenti se qualche pensionato non riesca a pagarla con puntualità dietro l’angolo è pronto l’esattore con la nuova tassa di mora.

Dalle ultime novità legislative in tema di tassazione sugli immobili, chi risiede nelle grandi città trae maggior vantaggio dall’abolizione dell’IMU sulla prima casa, perché avevano pagato di più nel 2012, mentre le agevolazioni sono per particolari categorie di immobili, come le cooperative a proprietà indivisa o i dipendenti pubblici ( Polizia, Carabinieri, Guardia , Forze Armate, Vigili del Fuoco), che vengono trasferiti per servizio, e quindi non risiedono nell’abitazione principale.

Secondo l’indagine effettuata dal sindacato Uil nazionale ogni famiglia in media nel 2012 ha pagato 255 euro di IMU per la prima casa e 305 euro per lo smaltimento rifiuti, ossia in totale 530 euro. Con la Service Tax, invece, l’imposta dovrebbe essere più leggera rispetto alla sommatoria IMU + Tares. Il risparmio sarebbe di 115 euro per la parte riguardante l’IMU.

Partendo dal programma del Governo il nuovo tributo potrebbe oscillare sui servizi indivisibili da un importo minimo di 17 euro per immobile fino a un massimo di 258 euro. I Comuni potrebbero prevedere tutta una serie di regole particolari partendo dall’esenzione della prima casa agli sconti per le famiglie numerose oppure dalla quota dell’inquilino alle riduzioni per gli edifici strumentali delle imprese.

La nuova imposta avrà due componenti: la Tari, che sostituirà la Tares, servirà a finanziare il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti. La seconda tassa si chiamerà, invece, Tasi. La funzione di quest’ultima, prevede il finanziamento dei cosiddetti servizi indivisibili, come l’illuminazione, la polizia municipale, l’arredo urbano e la manutenzione dei giardini pubblici; oggi, la copertura di questi servizi, è garantita con una maggiorazione della Tares, pari a 30 centesimi al mq e rende ai Comuni circa un miliardo di euro.

Il gettito complessivo della Tasi sarà sicuramente, in previsione, superiore a un miliardo. L’obiettivo è di dare un contributo al “superamento” dell’IMU sull’abitazione principale, poiché la cancellazione dell’IMU sulla prima casa, causerà ai Comuni un gettito inferiore di circa 4 miliardi. Il mancato equilibrio d’incasso potrebbe far ipotizzare ulteriori rincari sul valore catastale o sui metri quadri e con riflessi tutt’altro che trascurabili per i contribuenti.

In realtà la questione è seria, perché potrebbe causare uno choc da tassazione per tutti, in particolare per gli inquilini pensionati con basso reddito, che rischiano di essere sfrattati per morosità; solo nel 2012, e senza questa Service Tax, si sono registrati più di 60 mila sfratti in Italia. Bisogna evitare che il problema diventi ancora più grave; occorre buon senso e tutelare i cittadini più deboli. Quello che i cittadini si chiedono, è del perché si parla sempre di tasse e del come i pensionati, che hanno lavorato una vita anche all’estero, “pagheranno”, mentre si cerca di fare poco per potenziare i servizi, sostenere i consumi, accrescere il reddito delle pensioni e tutelare i figli dei pensionati nella ricerca di un lavoro e di un’ occupazione. La verità è che ogni italiano paga 1000 euro al mese; è un importo “trilussiano” che ciascun cittadino, appena nato, verserà quest’anno, come tributo, allo Stato; circa 698 miliardi complessivamente. Uno Stato preciso, puntuale ed intransigente quando deve incassare, ma lo è meno quando deve garantire livelli accettabili dei servizi, qualitativi e quantitativi da offrire ai cittadini, che pagano le imposte più alte in Europa. In questo il sindacato chiede, all’insegna di una Spending Review, una Legge di Stabilità 2014 che abbia come obiettivo di tagliare il costo del lavoro per le aziende, di bloccare l’aumento IVA (che, in mancanza d’interventi, scatterà ad ottobre portando l’aliquota massimale al 22%), di ridurre le tasse per i lavoratori e inaugurare una politica industriale per la competitività del tessuto produttivo. La Uil pensionati di Brindisi chiede ai sindaci del territorio, che, con questa nuova imposta, siano più accorti nell’ascoltare i cittadini sul livello qualitativo della sicurezza, dell’impianto d’illuminazione e manutenzione delle strade e sull’importanza dei servizi per gli anziani e le persone sole.


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi