mercoledì , 21 Agosto 2019

Tutelare l’assegno previdenziale attraverso il lavoro è democrazia

Condividi

La Uil pensionati di Brindisi informa i propri iscritti sui temi relativi: Sentenza Corte Costituzionale 70/15 e Dlgs 65/15 e Quattordicesima mensilità. Per la prima questione la Uil pensionati comunica che con la rata di ottobre, i pensionati dei fondi speciali, tranne gli iscritti al fondo Gas e gli ex lavoratori dei porti di Genova e Trieste, riceveranno gli arretrati dovuti in base al Dlgs 65/15. Nel mese di novembre, su rata di dicembre, si dovrebbero completare le posizioni degli iscritti alle Gestioni Pubbliche. Per tutti gli aventi diritto, gli eventuali errori (mancata erogazione totale o parziale) saranno corretti con il rinnovo di gennaio p.v.

Per la seconda questione Quattordicesima mensilità si comunica che nello scorso mese di luglio sono state liquidate circa 2.060.000 prestazioni con una differenza di circa 130 mila posizioni in meno rispetto al 2014. Secondo una prima stima dell’INPS, circa 118 mila beneficiari hanno perso il diritto. Si tratta di persone decedute o di trattamenti che hanno superato i limiti di reddito o, infine, di pensioni eliminate ad altro titolo. Una verifica puntuale potrà essere fatta a dicembre. Il sindacato dei pensionati ha chiesto l’invio degli elenchi riepilogativi, divisi per regione e territorio, dei pensionati che dal 2007 hanno percepito la quattordicesima.

La Uil pensionati, in questi giorni, considera con priorità il dare preminenza alla Riforma delle pensioni in vista della nuova legge di Stabilità. Il ministro del lavoro Giuliano Poletti conferma l’intensità del lavoro.

La Uil e la Uil pensionati temono, invece, l’impoverimento dell’assegno di pensione stesso. Il tema è preoccupante, in particolare sull’ipotesi in uscita dal lavoro per le donne e gli uomini rimasti senza lavoro. Il sindacato, in difesa della causa, è pronto a scioperare, perché ritiene insostenibile accettare penalizzazioni troppo pesanti su risorse versate con sacrifici dai lavoratori.

Sarebbe opportuno risolvere “insieme” attraverso una contrattazione tra le parti su una riforma possibile trovando soluzioni di consenso con il sindacato. Sarebbe incredibile però, che il governo rinviasse l’introduzione della flessibilità di accesso alla pensione, ripetutamente annunciata negli ultimi mesi dal Presidente Renzi e dal ministro del lavoro.

È importante comprendere il cambiamento che stiamo vivendo,  perché con la Legge Fornero i nostri anziani hanno subito un’operazione di cassa che è costata “lacrime e sangue” a danno dei pensionati. La riforma delle pensioni non è solo una scelta politica; essa è una necessità precisa che deve essere orientata alla lungimiranza per non trovarsi di fronte al protrarsi d’iniquità e ingiustizie alle quali tutti dicono di voler porre rimedio. La proposta Poletti/Renzi necessita di correttivi e del consenso delle parti sociali, sia perché la contrattazione è “integrazione del consenso” sia perché la stesura proposta dal governo non è basata in un’ottica di equità, ma su un inedito meccanismo di ritiro dal mercato del lavoro per gli uomini. Essa si rende insostenibile perché si andrebbe a una percentuale di penalizzazione di portata almeno del 3,5%. Ipotizzando un anticipo di almeno tre anni, dai 62 – 63 anni, il taglio dell’assegno sarebbe troppo oneroso per il lavoratore che sarebbe in grado di usufruire della flessibilità in uscita.

Il rischio potrebbe essere di avere un domani, milioni di pensionati con un assegno decurtato e che, con fatica, pagherebbero le loro medicine. Adesso il 40% dei pensionati vive con un assegno previdenziale inferiore ai mille euro, mentre il futuro potrebbe prospettarsi ancora peggio. Il presidente Renzi sa che la flessibilità in uscita va introdotta e rispettata, perché non tutti i lavori sono uguali (in edilizia, nelle miniere, nelle scuole e negli ospedali) e perché non tutti, soprattutto i sessantenni, possono svolgere la propria attività lavorativa in modo paritario. Il lavoro del professore universitario settantenne potrebbe essere accettabile con gli studenti ventenni, ma è impensabile rimanere sul posto di lavoro per la maestra d’asilo settantenne con venti o trenta bambini, per l’artigiano, il contadino , il barbiere, il camionista o in miniera per il minatore sessantenne.

È indispensabile riattivare il turnover nel mercato del lavoro, che in questi anni è stato bloccato dalla riforma Fornero a danno delle giovani generazioni. La necessità è nel porre rimedio al “vuoto assoluto” in modo concreto e senza ulteriori penalizzazioni. È doveroso aprire le porte ai giovani che non riescono a entrare nel mondo del lavoro e a chi si è trovato improvvisamente a dover rimanere molti anni di più, a svolgere mansioni lavorative di fatica. Bisogna affrontare il cambiamento investendo in conoscenza nelle competenze e sostenendo il reddito di chi perde il lavoro e non solo a livello individuale. Senza di esso, non è possibile creare risorse. Il futuro dell’Inps deve essere bilanciato dai soldi dei lavoratori e dal supporto dello Stato. Prima della crisi questo bilanciamento esisteva; adesso occorre un piano dettagliato per recuperare consensi,  facendo crescere la previdenza. Un Paese che genera lavoro, germoglia; altrimenti appassisce. Il nostro ha uno sviluppo basso. L’Italia vive il dramma degli esodati e con l’aumento della disoccupazione giovanile, nel Sud è del 57,4%, non può permettersi un rapporto fra pensionato e lavoratore attivo. Il meccanismo è in un sistema previdenziale che deve essere alimentato da un flusso di contributi soddisfacente a pagare le pensioni.

Per la Uil pensionati bisogna guardare avanti per un fisco migliore accogliendo i suggerimenti sindacali e abbassando il carico  fiscale.

Il governo che fa? Qual è il ruolo della politica? Per il sindacato è fondamentale la sua capacità di reazione soprattutto in via preventiva. Il governo non può tergiversare senza pensare al pensionato, a rischio di povertà assoluta e con problemi di salute. Il sindacato ha coraggio; non teme le intimidazioni e le minacce, perché si batte per il diritto alla salute contro le cure che il governo considera inappropriate, per il reddito minimo contro le povertà e lotta con assiduità per il lavoro, per i deboli, per le persone non autosufficienti, chiedendo una legge nazionale. Negli ultimi anni il sindacato ha tutelato i diritti sociali e ha mantenuto la coesione sociale, tutelando i lavoratori e le imprese aiutandoli nel far fronte La Uil pensionati ritiene necessaria una riforma previdenziale per dare stabilità ai giovani e flessibilità agli anziani. Il sindacato è per una democrazia libera, equa e giusta che crede nei valori dell’uguaglianza e ha reso l’uomo, una persona civile e da rispettare. La democrazia è tutelare i diritti dei cittadini con senso di giustizia ed equità favorendo gli stili di vita e le opportunità di vivere la vita che “dovrebbe essere” e non quella che “doveva essere”.

L’idea è in un salto culturale orientato nel pensare a un legame di solidarietà nel Territorio attivando servizi per gli ammalati e i pensionati fragili senza creare manovre e riforme previdenziali a danno degli stessi  che sono i veri ammortizzatori sociali per figli e nipoti.


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi