martedì , 21 Gennaio 2020
Uil Pensionati: “La salute uguale per tutti”

Uil Pensionati: “La salute uguale per tutti”

Condividi

La Uil pensionati di Brindisi “Stu Appia Antica” augura a tutti un Buon 2020 nel segno di una sanità contro le disuguaglianze inaccettabili che possa ripartre dai bisogni del paziente e dall’approvazione della riforma dell’art. 117 della Costituzione “La Salute uguale per tutti” per mettere al centro la collaborazione tra le diverse personalità migliorando il percorso di cura. Per ottimizzare le risorse di cura non bisogna avere paura delle riforme, specie se si richiede una sanità diversa, vera, qualitativa e non elusiva o miope come risposta ai cambiament strutturali della demografia piramidale e di una spesa sanitaria del 6,8 per cento del Pil, un valore più basso che quello francese (8,6 %), tedesco (8,4%) e del Regno Unito (7,3). In politcia sanitaria si chiede al governo giallo-rosso e al ministro Roberto Speranza di ritessere il dialogo sul sistema sanitario promuovendo programmi di prevenzione, d’integrazione tra assistenza primaria e specialistica, di continuità tra ospedale e territorio e assistenza domiciliare. Nel rispetto del tema sulla pedagogia del diritto alla salute, la sfida è nel mettere in campo politiche lungimiranti attente al dovere etico per una cultura del civismo in percorsi di assistenza integrata che possano “agire contro le malattie”, contro le lunghe liste di attesa per essere ricoverato, la mancata predisposizione della dimissione protetta e contro le disuguaglianze che uccidono. Il governatore Emiliano nell’articolo 6 del Piano di Riordino Ospedaliero della Regione Puglia sulla programmazione degli investmenti ospedalieri, al comma 1, immette nel territorio pugliese 4 ospedali nuovi, di cui uno Monopoli-Fasano in quello di Bari-Brindisi. L’inserimento di quest’ospedale, sicuramente, costringerà alla chiusura di quello di Fasano nel territorio brindisino. Questa s’inserirà al declassamento visibile con la riconversione degli ospedali dell’ex Di Summa a Brindisi, nel San Camillo di Mesagne, in quello di San Pietro Vernotico, di Ceglie Messapica e di Ostuni, un tempo fiore all’occhiello di cure non solo della provincia di Brindisi. Il Piano di Riordino Ospedaliero che dovrebbe essere attuato entro il 31 dicembre 2020, considera il plesso ospedaliero per il post acuzie dell’Ospedale Antonio Perrino a Brindisi e il plesso riabilitativo di Ceglie Messapica di secondo livello, mentre di primo livello l’ospedale Dario Camberlingo a Francavilla Fontana, di base l’Ospedale civile a Ostuni. Infine di riconversione a un’innovaitva vocazione territoriale, riabilitatva, di supporto post-acuzie l’Ospedale San Camillo di Mesagne, il Melli di San Pietro Vernoitco e di Fasano, mentre come istituto di Ricovero e Cura a carattere scientifico privato dà credibilità l’IRRCS Eugenio Medea a Brindisi. Per la Uil pensionati di Brindisi “Stu Appia Antca” la necessità è nella centralità della persona bisognosa di cure; per l’ammalato occorre assicurare accessibilità, sostenibilità e prospettiva di assistenza alla salute per un sistema sanitario efficiente, di qualità per le cure e di quantità ai servizi partendo dall’ambito ospedaliero a quello territoriale e domiciliare. Nel caso delle RSA e lungodegenze, per esempio, si segnala mancanza di équipe multi professionali, costi eccessivi per la retta, necessità di pagare per assistere il malato, costo per la riabilitazione a totale carico del cittadino e permanenza troppo breve perché raggiunga il grado di riabilitazione necessaria. Per le gravi patologie, invece, non si tiene presente a Brindisi dei progressi della medicina come conseguimento della migliore qualità e durata della vita che si acquisisce attraverso la ricerca e la promozione della salute per tutti.​ Per conseguire salute e curare le sue patologie, il malato brindisino, in particolare se è anziano o, un malato oncologico, non essere legato agli spostamenti per curarsi, non deve essere costretto a recarsi fuori provincia o fuori regione in viaggi stressanti della Speranza aumentando il disagio, le difficoltà e il sostegno di aiuto alla famiglia per la gestone della patologia. La Uil pensionati di Brindisi “Stu Appia Antca” rammenta alle Istituzioni che il Diritto alla Salute per il cittadino è tutelato dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo (Helsinki), dall’articolo 32 della Costituzione italiana come fondamentale diritto dell’individuo cosi come interesse per la collettività e dalla legge 833 del 1978, che garantiscono la cura e lo stato di benessere tramite il servizio sanitario nazionale come diritto inalienabile, esigibile, egualitario e senso di “civismo” che intendono arginare aggressività, meschinità, lacerazioni, indifferenze in particolare verso il malato fragile. A Brindisi permane, invece, un problema di differenze regionali e provinciali, sia nella quantità sia nella qualità dell’offerta sanitaria. Si considera inaccettabile, a tale disegno, la proposta di regolamento regionale “Riordino ospedaliero della Regione Puglia ai sensi del D.M. n.70/2015 e delle leggi di stabilità 2016-2017. Modifica e integrazione della DGR n.1095/2017 e n.53/2018. Abrogazione”. In tale piano non si rispecchiano le richieste per riorganizzare la rete ospedaliera per un’assistenza territoriale adeguata. Perché non si abbattono le liste d’attesa che sono al di sotto dei 3.5 post letto per ogni 1000 abitante? Che fine hanno fatto i PTA che continuano, a non essere realizzati, mentre si chiudono i PPI e si smantellano gli ospedali di primo livello? L’attenzione non può che essere rivolta su due assi: quello che sta scritto e quello che invece è assente. Su quest’ultmo si chiede di avviare una fase di revisione del Piano di Riordino Ospedaliero brindisino che dia operatività e appropriatezza dell’accesso ai servizi ospedalieri e presa in carico efficace dei pazienti dimessi. La finalità deve integrare i livelli essenziali di cura e di assistenza anche in ambito sociale e territoriale. L’individuazione è nel dare valore alle strutture già esistenti sul territorio per una diversa allocazione delle risorse ridefinendo nello stesso tempo forme alternative di assistenza, nella considerazione della riqualificazione dei processi assistenziali e in base ai bisogni di cure nell’aumentare il numero dei posti letto per l’adeguamento agli standard nazionali al fine di migliorare la qualità dell’assistenza e la qualità di cura ed efficienza della rete di emergenza-urgenza secondo i livelli di diversa complessità assistenziale. La speranza è nel pensiero al futuro, al domani e al divenire del nuovo anno 2020 che è appena arrivato, cercando di realizzare percorsi attesi per un’idea di Diritto alla salute e di avere una Sanità territoriale che potrebbe rappresentare opportunità ai bisogni di cura e che potrebbe aprire un varco immaginando nuovi obiettivi e speranze verso un’assistenza di prossimità, di cure e servizi assistenziali verso gli ammalati , gli anziani, i bambini e le persone che soffrono.


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi