martedì , 12 Novembre 2019
Comunicato stampa della Uil pensionati

Comunicato stampa della Uil pensionati

Condividi

Secondo la Uil pensionati provinciale di Brindisi l’impegno da parte del governo nazionale e regionale deve essere progressivo sul welfare, sulla previdenza, sanità a beneficio delle categorie più fragili e degli incapienti: anziani, disabili, persone non autosufficienti e ammalati,surrogati da imposte fiscali, che non possono né curarsi né alimentarsi con cibi di qualità.

Sono state più di cento le associazioni a difesa dei disabili che il 31 luglio2013 in Piazza Montecitorio hanno aderito alla protesta contro il nuovo Isee, la riforma prevede che vengano inserite nel reddito le prestazioni assistenziali.

Sappiamo che il problema non tocca la top ten di pensionati d’oro: in testa Sentinelli con 91.337,18 euro lordo al mese per arrivare ad Alberto De Petris e a Germano Fanelli e non esclude i 900 mila italiani pensionati privilegiati che percepiscono non una pensione d’oro ma superiore ai tre mila euro mensile.

La domanda per il sindacato è nel perché esista una forbice tra pensioni d’oro, privilegiati e da fame con una pensione netta inferiore tra i mille e i 500 euro? La nostra risposta è nel rilevare che, (non per chi prende tre mila euro, la quale non è una pensione d’oro ma privilegiata), occorra – ed è inevitabile – evitare un conflitto generazionale tra i vecchi – ricchi e privilegiati – i giovani inoccupati, senza lavoro, incerti e insicuri di un futuro previdenziale e persone disabili, invalidi e non autosufficienti, bisognosi di cura e di assistenza sociosanitaria.

Dal rapporto Istat nel 2012 l’incidenza di povertà relativa in Puglia è stata pari al 28,2%, cioè di circa due punti percentuali superiore all’incidenza del Mezzogiorno, ma ben 5,5 punti percentuali superiore rispetto all’incidenza registrata per la Puglia nell’anno precedente.

Gli effetti della crisi economica e finanziaria che ha colpito il Paese e, in modo più violento, anche per la Puglia tra il 2011 e il 2012 hanno coinvolto grandi imprese e intere aree produttive e l’incrementato ricorso agli ammortizzatori sociali ha inciso sul reddito disponibile delle famiglie e sulle condizioni di povertà relative delle stesse.

Una risposta potrebbe essere nell’accesso da parte dei cittadini al sistema pubblico integrato dei servizi e degli interventi sociali e sociosanitari: sicuramente un contributo accessibile e in maniera sostanziale al contrasto delle diverse forme di povertà e di esclusione per sostenere le famiglie in periodi di particolare difficoltà. Un buon livello di disponibilità e di efficienza dei servizi pubblici può contenere notevolmente gli effetti delle disuguaglianze da reddito e da ricchezza, agendo, di fatto, da elemento di redistribuzione delle risorse nazionali, regionali e locali per essere riferimento sostanziale e importante, (in questa logica di tipo socio assistenziale e socio- sanitario dei territori), all’accessibilità e all’efficacia nella capacità di rispondere ai bisogni delle collettività.

Riteniamo infatti, irrispettoso il fatto che tutti coloro i quali percepiscono pensioni, indennità e assegni riservati agli invalidi civili, ciechi, sordi, vedranno gonfiarsi artificiosamente il proprio reddito e che la misura predisposta per porre rimedio a questo peso iniquo sia l’adozione di accorgimenti, considerati come reddito che lo Stato eroga come forma di indennizzo e non di ricchezza.

Occorre di conseguenza, che il Governo escluda dal campo di applicazione del nuovo Isee le prestazioni assicurate dal sistema previdenziale e da quello sanitario e valuti l’opportunità di prevedere per le persone disabili e non autosufficienti, un trattamento più consono e più favorevole e in maniera equitativa prevedendo uno specifico intervento per le famiglie con figli disabili e per i casi di poli-disabilità.

In questa propensione si focalizza la nostra attenzione sui servizi di cura del benessere per le persone, erogati a domicilio, in particolare l’assistenza domiciliare integrata (ADI) alle persone con 65 anni e più, agli invalidi e alle persone non autosufficienti. Si osserva che il servizio fa rilevare un trend in aumento dal 2004 e che conferma la stessa dinamica degli altri servizi analizzati con il Nord che riesce a prendere in carico 5 anziani su 100, mentre il Centro che nel 2010 ne eroga il 3,9% e il Mezzogiorno riesce a offrire soltanto al 2,3% delle persone con più di 65 anni.

La Puglia nel 2010, dai dati ufficiali, si colloca al di sotto sia del dato nazionale (-2,3%) sia di quello sia si riferisce al Mezzogiorno (-0,5%).

L’impegno del governo pugliese dovrebbe essere in un cambiamento radicale verso politiche sociosanitarie a beneficio dei soggetti più fragili; il governo Letta, invece nel nuovo programma delle riforme, dovrebbe ridefinire il Patto di Stabilità, rivedendo nei nuovi parametri le dinamiche concernenti, le imposte fiscali, al gettito IMU 2012, ma anche al fondo di solidarietà 2013 e alla spending review, oltre che al nuovo patto istituzionale dei Comuni, delle Province e delle città metropolitane.

La speranza è che l’autunno politico non sia più caldo di quello previsto, pensando solo agli sprechi verso le città metropolitane, invece di sostenere i servizi verso i cittadini, le città e i comuni, perché sono loro che hanno bisogno di aiuto e la crisi, purtroppo, si sta accumulando come una vera tempesta, di fronte al rischio di tagliare gli asili o i servizi sociali.

Per far ripartire la regione Lombarda, una delle regioni più ricche al mondo, occorre mettere a disposizione dei cittadini e delle imprese, secondo il governatore Maroni, 2 miliardi di euro sbloccando cosi i cantieri edili e rimettendo in moto l’edilizia. E per la regione Puglia, quanto occorre? E per la provincia di Brindisi?

Avviare un nuovo modello di welfare che metta a disposizione risorse ed occupazione a favore delle famiglie, fondi da destinare agli Enti Locali, è indispensabile per pagare i fornitori e finanziare nuovi investimenti e a sostegno anche degli agricoltori pugliesi attraverso i contributi europei (Pac). Nella foto Tindaro Giunta, segretario provinciale della Uil pensionati 


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi