venerdì , 6 Dicembre 2019

E’ necessaria la prevenzione e la tutela della salute

Condividi

Tindaro Giunta, segretario provinciale Uilp esorta i Sindaci e la Asl per un programma di prevenzione e screening in particolare per quanto riguarda i tumori. Affrontare il tema di prevenzione del cancro vuol dire entrare in un campo molto delicato ed estremamente controverso. “Prima di esporsi con dichiarazioni o suggerimenti bisognerebbe conoscere a fondo ogni cosa che ruota intorno all’argomento “tumori”. Bisogna essere ben documentati soprattutto ricercando fonti alternative e non solo quelle denominate “autorevoli” ed i motivi verranno chiariti di seguito”, sostengono gli attivisti del Movimento 5 Stelle di Mesagne.
“Innanzitutto bisogna distinguere le espressioni “prevenzione” da quello di “diagnosi precoce”. Il termine prevenzione vuol dire “scongiurare” e si ottiene modificando vecchi paradigmi e di conseguenza gli stili di vita. La diagnosi precoce vuol dire rilevare una malattia già esistente ed è evidente quanto le due cosa siano diverse. Quindi la diagnosi precoce non previene perché la malattia c’è già! La difficoltà della diagnosi precoce sta nel fatto che è praticamente impossibile sottoporsi ad ogni esame specifico per tutte le malattie esistenti visto che non esiste un esame unico che possa rilevare tutte le malattie e non è neanche corretto far sottoporre tutte le persone a screening di massa rispetto alla percentuale di incidenza di una malattia in un determinato luogo, sia per tutti quegli aspetti psicologici che possono alterare il benessere della persona,sia l’alta incidenza di falsi positivi, sia l’alto costo in termini di risorse che tale operazione comporterebbe, per non parlare poi di tutta la parte riguardante la tipologia di soggetti che dovrebbero essere sottoposti a screening, con quale criterio verrebbero scelti? Secondo agenti genetici predisponenti? Secondo agenti esterni predisponenti? Secondo il livello di stress in cui una popolazione intera si trova?

Oggi il tumore è considerato come malattia multifattoriale, vale a dire che non deriva da una singola causa ma da un insieme complesso di elementi tra cui gli stili di vita, le condizioni ambientali e quelle socioeconomiche, quindi anche lo stato psicologico. Questo dimostra che non esiste una causa unica del cancro ma sono un insieme di fattori che lo determinano e non è neanche corretto parlare di sostanze o fattori cancerogeni nel senso che “fanno venire il cancro” ma di sostanze o fattori che aumentano la probabilità di contrarlo. La diagnosi precoce di un cancro riveste una notevole importanza perché tanto prima una lesione neoplastica viene scoperta tanto maggiori sono le possibilità di intervenire con una certa efficacia.

Ma non è tutto così ovvio! Bisogna sapere che la diagnosi precoce è possibile solo per alcuni tipi di cancro e che il numero di “falsi positivi” può essere decisamente elevato generando paure ingiustificate con conseguenze psicologiche per l’intera famiglia. Secondo una certa scuola di pensiero un aiuto fondamentale alla diagnosi precoce dovrebbe venire dalle cosiddette “campagne di screening di massa” dai costi decisamente alti a fronte di incerti benefici. Allo stato attuale le campagne di screening non riguardano molti tipi di tumore; in ambito italiano i programmi di screening per i quali esistono “raccomandazioni” da parte delle autorità sanitarie sono relativi a tre tipi di cancro: cancro del colon-retto, cancro del collo dell’utero, cancro del seno.

Nel 2006 è stato prodotto un documento dal Ministero della Salute su raccomandazioni per la pianificazione e l’esecuzione degli screening di popolazione riguardo i suddetti tipi di cancro. Intanto L’American Cancer Society (ACS) ha dichiarato che si fanno troppi screening, molte volte totalmente inutili e si è riscontrato che gli esami a tappeto sulla popolazione avrebbero l’unico risultato di scoprire forme tumorali poco pericolose e abbastanza lente come, per esempio, il cancro alla prostata. Il desiderio di richiedere molti screening di massa spesso è dato da ricercatori che vogliono avere in modo semplice grandi quantità di dati, illudendosi di scoprire la soluzione di problemi ancora irrisolti, senza accorgersi che tali dati, di complessa ed equivocabile interpretazione, rischiano solo di aumentare la confusione generando, ad esempio, lo spauracchio del colesterolo totale.

Note ricerche hanno ridimensionato la pericolosità delle sostanze cancerogene dimostrando che anche le cavie non sottoposte agli agenti cancerogeni sviluppavano tumori e quelle sottoposte lo sviluppavano a causa, molto spesso, dell’elevata dose di somministrazione degli stessi. Noi insistiamo sui FALSI POSITIVI perché non solo generano apprensione nei pazienti ma diventano un alto costo per la comunità perché comportano la somministrazione di altri esami. Un esempio di inutilità di alcuni esami può essere data dalla mammografia a donne sotto i 50 anni. Si è visto che solo una donna su dieci risulta poi veramente ammalata di tumore mentre alle altre nove si consiglia di sottoporsi ad ecografia per avere conferma del dato ; in sostanza basterebbe un’ecografia come primo step a tutte e dieci. L’errore di alcuni medici è poi la convinzione che un esame fa la diagnosi mentre, di solito, la conferma. Da non trascurare anche un altro aspetto della nostra medicina chiamato “disease-mongering” noto a pochi ma che influenza il nostro modo di pensare e di agire ed ha come obiettivo la medicalizzazione della vita. Beppe Grillo in tempi non sospetti denunciava nei suoi spettacoli i farmaci Bayer.

Siamo a conoscenza oggi di chi sono i padroni della Sanità ovvero le Lobbies Farmaceutiche che attraverso un lungo processo hanno iniziato già un secolo fa, in America coi Rockefeller, ad impossessarsi del sistema universitario chiamando la loro azione “Filantropia Efficiente” ed oggi vestono abiti insospettabili di baroni e scienziati di quelle lobbies accademiche che “controllano” e “governano” la medicina attuale. L’immenso giro d’affari che scaturisce dalla malattia interessa non solo le Lobbies Farmaceutiche ma allettano Governi e Banche di tutto il mondo. Hanno avuto la capacità di stravolgere il significato di PREVENZIONE inculcando nelle menti che prevenire vuol dire assumere farmaci, sottoporsi ad esami. Nel primo caso attraverso ad esempio le vaccinazioni inutili di massa nel secondo con gli screening di massa per trovare la malattia nella persona sana grazie al disease mongering.

Essere malati quindi conviene ai baroni universitari, alle industrie farmaceutiche, ad una certa classe medica, allo Stato e quindi ai politici. Farti sapere che sei malato è il primo passo per generare affari. Se sei in salute conviene solo a te e alla tua famiglia. Ecco i motivi che ci spingono ad adottare un sistema completamente differente. Prima di tutto bisogna considerare diversamente il concetto di PREVENZIONE cioè pretendere di adottare tutte quelle misure per modificare lo stile di vita. La cosa che ci sentiamo di suggerire è quella di adottare completamente dalla comunità una carta nota dal 1986: la Carta di Ottawa.

 


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi