lunedì , 21 Ottobre 2019
La Uil proporre un nuovo piano strategico di politiche per investimento industriale e sociale

La Uil proporre un nuovo piano strategico di politiche per investimento industriale e sociale

Condividi

come l’anno prima). Gli occupati al Sud tornano sotto la soglia dei 6 milioni, con un calo nella maggior parte delle regioni, tranne Molise, Puglia e Sardegna. I disoccupati sono circa 1 milione e 500 mila, mentre molti di più sono gli inattivi. Il tasso di attività si ferma al 54% e quello occupazionale al 43,4%. Resta particolarmente elevata la disoccupazione giovanile, che raggiunge il tasso record del 51,9%, in pratica, più di un giovane meridionale su due non lavora. L’emergenza lavoro per i giovani, che ha caratterizzato la fotografia del Sud degli ultimi anni, non accenna a ridursi, sebbene solo ¼ circa delle domande di reddito di cittadinanza presentate facciano riferimento a persone di età inferiore a quarant’anni. È necessaria una nuova strategia politica, che sia di cambiamento profondo e non di breve periodo e che sia per l’impresa meridionale un vero pilastro su cui costruire l’intera azione pubblica. Essa deve essere centrata sull’impresa partendo dal rapido avvio delle Zone Economiche Speciali per rilanciare l’imprenditoria e gli investimenti al Sud. Serve una nuova politica vera che non sia costruita sul debito, che non sia visibile solo nelle intenzioni, ma sia spiraglio per riscoprire una nuova stagione dei doveri in un’Italia nuova e più giusta da costruire il tutto insieme, e per erigere eguaglianza e solidarietà nel rispetto della dignità sociale di ogni collettività partendo dal basso. Un grande piano infrastrutturale da proporre all’Europa attiverebbe “milioni di post di lavoro e collegherebbe territori, includendo persone e creerebbe lavoro importante per la richiesta di una realtà sociale più coesa che domanda più crescita e meno debito pubblico”. In questo abbiamo bisogno di un’Europa più solida e più coesa per un partner più credibile che vede nel dialogo e nell’interesse del bene comune, la convivenza e la cooperazione per il futuro di un’Europa più unita e solidale. Per la sua Storia e la sua posizione di seconda manifattura d’Europa, l’Italia dovrà svolgere un ruolo di primo piano in questa stagione riformista dell’Unione europea avendo cura di usare la crescita per ridurre le disuguaglianze e combattere la povertà. Lo Stato deve supportare le imprese creando filiere del futuro incentrate sulla sostenibilità nelle sue accezioni moderne: generazione, sociale e ambientale. La Uil pensionati vuole imprese in cui lavorano insieme più over 65enni e più under 35enni e chiede più sicurezza sul lavoro come bisogno di avere più sostenibilità ambientale chiudendo integralmente il ciclo del trattamento dei rifiuti industriali e urbani. Ciò significa voler costruire con impegno un futuro migliore per i nostri figli e nipoti facendo impresa e avendo coraggio e senso di responsabilità in una visione d’impegno e di risorse per agire da protagonista e costruire un progetto sostenibile ed efficace nel segno dell’efficienza, solidarietà ed equità, pilastri di valori e competitività per i nostri territori che vogliono l’unitarietà del bel Paese. La Uil ha indicato, da molto tempo, le priorità per una politica economica capace di rimettere in moto il Paese con più crescita, meno deficit e meno debito pubblico. Nella fiducia di quest capisaldi di misure anticicliche è possibile superare ogni resistenza ideologica e assicurare alle imprese un’indispensabile competitività di sistema, rese necessarie ancor più dal rallentamento dell’economia tedesca. L’auspicio è nel mettere al centro della nostra attenzione l’economia reale e una politica monetaria che si mostrino sensibili ai temi dello sviluppo e del Bene Comune. Per fare questo la priorità è negli abbattimenti strutturali del cuneo fiscale e nel promuovere investimenit sulle infrastrutture per un piano d’inclusione a favore delle aziende, dei lavoratori e dei giovani. La Uil pensionati si preoccupa per la totale assenza sul blocco della rivalutazione delle pensioni ai pensionati come in un mancato riferimento al rinnovo dei contratti pubblici e del taglio delle tasse ai lavoratori dipendenti cosi come non è possibile nel Def far passare sotto traccia l’avvio delle trattative dei contratti per il triennio 2019-2021. È apprezzabile, invece, la ripresa degli investimenti pubblici come l’intenzione d’interrompere i tagli per la sanità e la proroga dell’Ape sociale e di Opzione donna.​La Uil chiede che si realizzi un cambio di passo, ma la necessità è che oltre alle parole vi siano i fatti e si accetti la proposta per un aumento dell’assegno di pensione e delle buste paghe dei lavoratori. La rivalutazione del reddito di pensione è ferma dal 2009. Non si comprende del perché la nostra richiesta non veda la luce e non si alzi l’asticella. La svolta, per la Uil pensionati, è in un nuovo disegno strategico che rilanci il Paese. Il sindacato considera positiva la proposta del Governo di fare una manovra espansiva non fondata sul debito, anche se la proposta Def intende portare il deficit/Pil al 2,1% o al 2,2%: un debito insostenibile che avrebbe bisogno di una riforma tributaria del credito più che di una rimodulazione delle aliquote. Nel frattempo la Uil pensionati, in modo unitario e quindi insieme a Spi Cgil e Fnp Cisl, ha avviato per la metà di novembre un’iniziaitva nazionale a Roma, anticipata da un percorso di mobilitazione a livello territoriale, nel porre l’attenzione del governo su un “fisco equo, sulla rivalutazione delle pensioni, su una sanità pubblica e universale e sulla non autosufficienza e sanità” per tutelare i pensionati che hanno bisogno anche dei figli e dei nipoti. La Uil pensionati di Brindisi “Stu Appia Antica” crede nel governo che ha arginato le tensioni, sovraniste; ora occorre mettere a fuoco le nuove condizioni per rilanciare la crescita sociale e quella economica senza un nuovo deficit, puntando sul lavoro, le infrastrutture, l’industria 4.0 e i giovani creando nuovi post di lavoro senza lasciare i genitori anziani e/o non autosufficienti soli. Per fare questo è necessario un cambio di passo del Governo rispetto al passato che “aveva promesso il cambiamento e di cancellare la povertà”. La Uil pensionati chiede al Governo di essere ascoltata passando dalle “parole ai fatti”, rimanendo sensibili verso le persone più fragili e gli ammalati che hanno bisogno sia di una sanità di qualità ed efficiente sia di un assegno di pensione rivalutato come della separazione della previdenza dall’assistenza non più rinviabile e di una legge nazionale sulla non autosufficienza, considerata una vera e propria emergenza nazionale che riguarda milioni di anziani e le loro famiglie.

Per restare aggiornato seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina facebook, pubblicheremo al più presto tutti gli aggiornamenti in merito.  Seguici su Facebook:  https://www.facebook.com/mesagnesera/

Widget not in any sidebars


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi