domenica , 18 Agosto 2019
“La democrazia del voto” di Pompeo Molfetta

“La democrazia del voto” di Pompeo Molfetta

Condividi

La democrazia non è un sistema perfetto ma è il migliore che abbiamo e pertanto va custodita e protetta. Uno dei suoi capisaldi è rappresentato dal voto che resta forse uno dei pochi strumenti con sui si applicano i principi costituzionali di libertà e uguaglianza.
I voti si contano e non si pesano. Il voto di un raffinato e colto intellettuale vale quanto quello di un operaio o di un disoccupato non scolarizzato. Nessuno può biasimare chi vota sperando di avere una risposta ai propri bisogni, alle proprie aspirazioni, ad una vita migliore ; così come nessuno può discriminare chi sceglie in funzione di un ideale, di riferimenti valoriali o di un convincimento morale. Quali che siano le ragioni che inducono ciascuno ad una determinata scelta, uno vale uno e nessuno può eccepire. Il voto dunque, comunque espresso, è sacro e va rispettato.
Naturalmente questo principio presuppone che il voto sia libero e consapevole ma non sempre è così. Non sempre il voto premia il progetto politico, il merito dei candidati o le aspettative degli elettori a volte viene utilizzato come moneta di scambio o viene letteralmente carpito con metodi molto fantasiosi . (Pare che Achille Lauro nella sua corsa a sindaco di Napoli, usasse regalare ai suoi presunti elettori una scarpa promettendo di dare l’altra a scrutinio concluso. Non fu eletto e molti napoletani rimasero con le scarpe spaiate).
Non sempre il consenso premia gli interessi generali del paese o la bontà delle cose realizzate. Don Vito Ciancimino, referente politico di Cosa Nostra, riceveva vagonate di preferenze proprio mentre realizzava quello scempio urbanistico e ambientale noto come il “sacco di Palermo”. Anche lui, a suo modo, serviva gli “interessi” generali del paese. Insomma, non sempre chi vince ha ragione, la storia è talmente piena di tragici esempi che è offensivo anche solo cercare di ricordarli.
Tuttavia al netto di queste derive, espressioni della assoluta varietà delle debolezze umane, il voto resta ancora l’elemento cardinale su cui fondano tutti i sistemi democratici, pertanto, come il verdetto di una corte, si accetta e non si discute e non perché non sia discutibile ma perché inficiarne il ruolo significa mettere a rischio la democrazia. 
Ma la democrazia non si esaurisce con la sola espressione del voto ma presuppone anche la partecipazione del cittadino alla vita pubblica. Nel nostro ordinamento si partecipa soprattutto attraverso l’adesione ed il sostegno alle strutture intermedie della rappresentanza cioè ai partiti, sindacati, ai movimenti di base o qualsiasi altra forma di associazionismo. Strutture fondamentali affinchè il popolo si esprima attraverso il filtro della conoscenza e del confronto. Purtroppo assistiamo ad un impoverimento e ad una progressiva delegittimazione di questi strumenti che sono stati via via sostituiti da forme più rarefatte e deresponsabilizzate di partecipazione. 
Una di queste è la massiccia invasione nella vita pubblica e privata della rete. Una sorta di miasma collettivo senza filtri dove trionfa l’individualismo qualunquista, dove la realtà viene eccessivamente semplificata o trasfigurata e dove si coltiva l’illusoria chimera della democrazia diretta.
In questo sistema chi ha più fervide capacità di tirare le fila della rete riesce a catturare più pesci, chi ha più pronte capacità di adattare il suo linguaggio e il suo progetto politico agli umori più viscerali del popolo vince e detta legge e chi detta legge viene sempre amato fino all’idolatria o denigrato fino all’infamia.
Questi sviluppi, secondo me, sono il segno più tangibile di un più grande fallimento sociale-antropologico e culturale che anticipa la decadenza di un mondo che ormai è diventato vecchio e malato.
Le pulsioni contrapposte di esercitare la democrazia diretta della rete o di affidarsi completamente anima e corpo al capo popolo di turno produrranno inevitabilmente una involuzione antidemocratica il cui esito non promette nulla di buono. 
La vicenda elettorale della nostra città si iscrive perfettamente nel quadro di riferimento descritto. Gli elementi caratterizzanti l’intera campagna elettorale, dal mio punto di vista, sono stati infatti l’irruzione prepotente della rete che ha avvelenato i pozzi e soffocato il ragionamento politico e l’ossessione dell’uomo solo al comando da alcuni idolatrato da altri demonizzato.
La città è rimasta sullo sfondo verniciata da programmi farlocchi che l’hanno resa tanto brillante quanto irreale, i partiti sono rimasti sull’uscio lasciando ampio spazio alla libera espressione di un civismo acritico senza costrutto, la partecipazione popolare si è ridotta alla semplice esibizione di forza elettorale e fra qualche giorno si dissolverà.
Nella distribuzione del voto inoltre, si nota, anche una forte sperequazione classista che ha spaccato in due il paese e che ora rischia di minare il senso unitario di appartenenza ad una sola comunità. Sembra che da un lato ci sia il “popolo” con i suoi bisogni individuali e collettivi raccolti taumaturgicamente dal candidato sindaco in sinTONIa che se ne fa carico sulla sua pelle, dall’altro la borghesia, il mondo delle professioni, il così detto ceto medio che invece si arrocca intorno ad un progetto politico certamente più articolato ma ancora tutto da sviluppare. Quindi una campagna elettorale che ha diviso in profondità il paese e che ha lasciato in mezzo un vallo profondo di odio e diffidenza. Chi ha generato tutto questo, nell’”interesse generale” e per il troppo “amore,.. amore,.. amore” deve immediatamente cercare di sanare questa frattura. Il neo sindaco dunque governi (perché questa è l’essenza del suo programma), mentre a noi che abbiamo perso spetta il compito di riannodare i fili di un tessuto sociale lacerato, di riprendere la strada faticosa della buona politica e di ridare forza e vigore alla democrazia della rappresentanza e della partecipazione.
L’unica buona notizia di questa campagna elettorale e degli effetti prodotti mi sembra sia Rosanna Saracino il suo sorriso forte e determinato è il miglior viatico per TUTTA UN’ALTRA STORIA.

Per restare aggiornato seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina facebook, pubblicheremo al più presto tutti gli aggiornamenti in merito.  Seguici su Facebook:  https://www.facebook.com/mesagnesera/


Condividi

lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notifiche of

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Cookie policy Cosa sono i cookie? I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Ai fini che qui interessano i cookie si distinguono in tecnici e di profilazione, a seconda della funzione per la quale sono utilizzati, ed in cookie di prime parti e di terze parti, a seconda del soggetto che li installa. Cookie tecnici I cookie tecnici sono utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente di erogare tale servizio” (cfr art. 122 comma 1 del Codice della privacy). I cookie tecnici si distinguono in cookie di navigazione o di sessione (garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web), cookie analytics (assimilati ai cookie tecnici ove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso) e cookie di funzionalità (permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, quali ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso). Per l’installazione e l’utilizzo dei cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso dell’interessato. I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante. Cookie di profilazione I cookie di profilazione vengono utilizzati per inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione in rete. Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’interessato. Cookie di terze parti Tenendo conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando, o di un sito diverso che installa i cookie per il tramite del primo, si distingue tra cookie di prime parti e cookie di terze parti. Nontipreoccuparediniente potrebbe utilizzare anche cookie di siti o di web server diversi (c.d. cookie di “terze parti”): ciò accade perché sul sito possono essere presenti elementi come, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, detti cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi dal sito Mesagnesera.it. I cookie di terze parti vengono utilizzati anche per personalizzare l’esposizione pubblicitaria a seconda dell’interesse dell’utente e della frequenza di esposizione al messaggio. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito Mesagnesera.it, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti: http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie. Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ Cookie utilizzati da Mesagnesera.it A seguire la lista di cookie tecnici e di analytics utilizzati da questo Sito: Cookie interni al sito • PHPSESSID – di sessione – necessario al sito per identificare la singola sessione di un utente. Cookie di Terze parti Google Analytics • __utma – persistente – tempo di visita dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. Dura 2 anni • __utmb – persistente – tasso di abbandono (valore approssimativo) dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 30 minuti • __utmc – di sessione – Utilizzato dallo strumento Google Analytics per identificare la durata della visita sul sito. • __utmt – persistente – Viene utilizzato da Google Analytics per monitorare funzioni specifiche del sito. • __utmz – persistente – provenienza dell’utente – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 6 mesi • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni Google Maps SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID, PREF Cookie settati da Google in tutte le pagine in cui viene visualizzata una mappa di Google Maps, si tratta di vari identificatori eccetto PREF che salva le opzioni preferite come il livello di zoom. La maggior parte di questi cookies hanno la durata di 10 anni dall’ultima visita alla pagina contenente la mappa. Gestione dei cookie L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l’utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie. La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità. L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”. Di seguito le istruzioni relative ai browser di navigazione più diffusi ai fini di effettuare una configurazione personalizzata circa i cookie: • Microsoft Internet Explorer 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni Internet”; 3. clicca sulla scheda “Privacy”; 4. per attivare i cookies, il livello di Privacy deve essere impostato su “Medio” o al di sotto; impostando il livello di Privacy sopra il “Medio” l’utilizzo dei cookies verrà disattivato. • Mozilla Firefox 1. clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona “Opzioni”; 3. seleziona l’icona “Privacy”; 4. clicca su “Cookies”; 5. seleziona o meno le voci “Accetta i cookies dai siti” e “Accetta i cookies di terze parti”; • Google Chrome 1. clicca l’icona del menu; 2. seleziona “Impostazioni”; 3. nella parte inferiore della pagina, seleziona “Mostra impostazioni avanzate”; 4. nella sezione “Privacy”, seleziona “Impostazioni contenuti”; 5. seleziona o meno la voce “Impedisci ai siti di impostare dati”. • Apple Safari 1. clicca sull’etichetta “Safari” nella parte superiore della finestra del browser; 2. seleziona l’opzione “Preferenze”; 3. clicca su “Privacy”; 4. imposta la tua scelta alla voce “Cookie e dati di siti web”.

Chiudi